Vuoi ricevere le riviste?

Fonti Musicali Italiane, 18 (2013)

Inserito in Fonti Musicali Italiane

Sommario

  • Cristina Santarelli, Due serie di muse per Vittorio Amedeo I di Savoia e Cristina di Francia: Antiveduto Gramatica e i suoi rapporti con la corte torinesi. Abstract.
  • Chiara Pelliccia, «Mastro Marco Guidi cembalaro». Nuovi documenti dall’Archivio Colonna di Subiaco. Abstract.
  • Marina Vaccarini, Il fondo Villa della Biblioteca del Conservatorio di Milano. Risultati di una prima ricognizione. Abstract.
  • Annarita Colturato, Le feste di Tersicore, ossia la danza nelle raccolte della Biblioteca Nazionale di Torino. Abstract.
  • Mariateresa Dellaborra, Saverio Mercadante teorico e didatta per il flauto. Le integrazioni alla «Nouvelle méthode pour la flûte» di François Devienne. Abstract.
  • Virág Büky – Maria Grazia Sità, Bartók e l’Italia. Abstract.
  • Franco Sciannameo, Musiche per film di Ildebrando Pizzetti: i manoscritti autografi di Scipione l’Africano, I promessi sposi, Il mulino del Po conservati presso l’Università di Harvard. Abstract.
  • Rassegna bibliografica 2012 (con integrazioni per il 2011 e anni precedenti), a cura di Giulia Giovani, Chiara Pelliccia, Leonardo Miucci

Abstract


Inizio pagina

Cristina Santarelli

Two sets of Muses painted for Victor Amadeus I of Savoy and Christine of France: Antiveduto Gramatica’s relationship with the Turin court

By late 16th–early 17th centuries, the Dukes of Savoy aimed at catching up with other Italian signorie after long isolation. Such policy found striking expression in their lavish patronage of music and letters, as well as in their eclectic and sophisticated art collecting. For about half a century, Charles Emmanuel I — later on followed and helped by his heirs, Victor Amadeus and Maurice — had probed the international art market, in the lofty goal of giving Turin a new look and a European cultural breadth. Dynasty goods inventories are vital to fulfill a hard task—reconstructing the Savoy family art gallery. Father’s and sons’ penchant emerges for such painters as Caravaggio, Caracciolo, Ribera, Manfredi, Valentin, and Serodine. Recently, those archives allowed to partly re-assemble two scattered sets of Antiveduto Gramatica’s canvases, originally intended to adorn Victor Amadeus’ and Christine of France’s city mansion. This essay focuses on the literary and art models Gramatica might have drawn from to typify the Muses—a subject often used for laudatory purposes.

******

Due serie di Muse per Vittorio Amedeo I di Savoia e Cristina di Francia: Antiveduto Gramatica e i suoi rapporti con la corte torinese

Tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento, il desiderio dei duchi di Savoia di allinearsi con le altre signorie italiane dopo un lungo periodo di isolamento trovò la sua espressione più vistosa in una politica culturale contrassegnata da un’intensa opera di mecenatismo in ambito letterario e musicale, nonché da una straordinaria attività di eclettico e raffinato collezionismo. Per mezzo secolo Carlo Emanuele I, in seguito imitato ed affiancato dagli eredi Vittorio Amedeo e Maurizio, rivolse la sua attenzione al mercato d’arte internazionale, in un disegno ambizioso mirante a conferire alla capitale un volto nuovo e un respiro europeo. Dallo studio degli inventari dei beni dinastici, fondamentale per la ricostruzione non sempre agevole della quadreria di corte, emerge la predilezione di padre e figli per i dipinti di scuola caravaggesca, con i nomi di Caracciolo, Ribera, Manfredi, Valentin e Serodine; sono proprio questi documenti ad avere consentito in anni recenti la ricomposizione parziale di due cicli pittorici di Antiveduto Gramatica da lungo tempo dispersi, destinati ad ornare le residenze cittadine di Vittorio Amedeo e Cristina di Francia. Il saggio si sofferma sui modelli letterari e figurativi cui l’artista senese potrebbe essersi ispirato per realizzare le due serie, che ripropongono un soggetto utilizzato di frequente in chiave encomiastica: quello delle Muse.

 



Inizio pagina

Chiara Pelliccia

“Master Marco Guidi, harpsichord maker”: New documents from the Colonna archive, Subiaco

This paper examines documents from the Colonna family archive, Subiaco, about the production and maintenance of keyboard instruments from 1689 to 1714, when Philip II Colonna was constable. New light is shed on a — so far obscure — harpsichord maker, Marco Guidi. His detailed accounts include descriptions of the instruments and their maintenance, as well as news about accidents occurring in their frequent relocations. On one hand, they tell a lot about those instruments; on the other hand they offer, with greater clarity than any inventory, a dynamic picture of their lives and use, in a period when composers like Giovanni Bononcini, Bernardo Pasquini, and Alessandro Scarlatti were in the constable’s payroll. As it emerges, the Colonna household harpsichords were anything but state of the art. Models were still there that had been discontinued in Rome, e.g. the chromatic harpsichord Guidi repaired for Giovanni Bononcini.

******

«Mastro Marco Guidi cembalaro». Nuovi documenti dall’Archivio Colonna di Subiaco

Il contributo prende in esame la documentazione conservata nell’archivio Colonna di Subiaco, relativa alla costruzione e manutenzione di strumenti a tastiera per il periodo tra 1689 e 1714, corrispondente all’attività del contestabile Filippo II Colonna. L’analisi dei documenti porta nuove informazioni sul cembalaro Marco Guidi, finora poco conosciuto. I conti dettagliati del cembalaro, con la descrizione dei clavicembali, del tipo di manutenzione e delle notizie di incidenti occorsi agli strumenti durante i numerosi spostamenti, da un lato permettono di conoscere le caratteristiche degli strumenti utilizzati, dall’altro restituiscono più di qualunque inventario un quadro dinamico della vita e dell’uso degli strumenti stessi, in anni in cui compositori come Giovanni Bononcini, Bernardo Pasquini, Alessandro Scarlatti figurano nelle liste di pagamento del contestabile. Emerge che la dotazione di strumenti a tastiera di casa Colonna è tutt’altro che nuova e moderna, con la presenza di tipologie strumentali ormai fuori produzione a Roma, come il clavicembalo cromatico riparato da Guidi per servizio di Giovanni Bononcini.

 



Inizio pagina

Marina Vaccarini

The Villa papers at the Milan Conservatory Library. A preliminary survey

By late 1840, philanthropist Carlo Villa donated over 400 manuscript copies of late 18th-century operas, oratorios, and sacred music works to the Milan Conservatory Library. This is a preliminary study of their physical nature and content. Copyists have been singled out; in particular, the Forlì chapel master Andrea Favi has been identified as the author of many a blatant tampering in several oratorios and sacred music pieces, mostly those coming from Venice. His direct or indirect connections to Venice and Florence publishers and booksellers, with Faenza violinist, Antonio Bisoni, and others from the Accademia Filarmonica di Bologna environment allow to identify a local Romagna tradition in some sources. The study is still ongoing.

******

Il fondo Villa della Biblioteca del Conservatorio di Milano. Risultati di una prima ricognizione

L’articolo documenta i risultati di una prima indagine condotta sulla composizione e sulla descrizione materiale delle fonti che compongono un fondo di oltre quattrocento copie manoscritte tardo settecentesche di opere teatrali, oratori e musica sacra donato dal filantropo Carlo Villa alla Biblioteca del Conservatorio di Milano sul finire del 1840. Il censimento dei copisti e, in particolare, l’identificazione del maestro di cappella forlivese Andrea Favi come autore di vistose manomissioni apportate su numerose partiture di oratori e di musica sacra provenienti specialmente da Venezia, i suoi rapporti diretti o indiretti con editori e librai veneziani e fiorentini, con il violinista faentino Antonio Bisoni e con altri musicisti gravitanti intorno all’Accademia Filarmonica di Bologna hanno permesso di individuare una tradizione romagnola di alcuni testimoni presenti nel fondo che è ancora in fase di accertamento.

 



Inizio pagina

Annarita Colturato

Terpsichore’s Feasts: Dance in the Turin National University Library collections.

The Turin National University Library is best known for its Vivaldi manuscripts. Actually, it boasts a very diverse and valuable corpus of music and musical documents. Dance-related material is largely under-researched, with two exceptions—the codices of ballets staged at the Savoy court in the 17th century, and the manuscripts of Joseph Starzer’s music for Franz Hilverding’s dances. This essay reports on some especially interesting items, scattered among sundry collections (printed and manuscript dances for the theater, dance collections, librettos, treatises, dancers’ and choreographers’ letters). It also focuses on the collection that Gianni Secondo, an avid dance history researcher and bibliophile, donated in 2011 (access still restricted). It hosts about 2,000 monographs (including many first editions of treatises by Caroso, Negri, Ménestrier, Feuillet, Noverre, Dufort, Bonnet, Rameau, Cahusac, Gallini, Blasis etc.), some 300 librettos, plus printed music, volumes of costume design drawings, portraits of dancers and choreographers (either engraved or lithographed), posters, photos, vintage magazines, sound and audiovisual documents. The two Appendices contain unissued letters by Dominique Lefèvre, Charles and Charles Lepicq Blasis, and a detailed list of the sixty ancient books and ca. hundred 19th-century libretti di ballo in the Secondo collection.

******

Le feste di Tersicore, ossia la danza nelle raccolte della Biblioteca Nazionale di Torino

Nota soprattutto per la presenza dei manoscritti vivaldiani, la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino vanta un patrimonio musicale e di interesse musicale di varietà e pregio straordinari. Fra i materiali tuttora poco conosciuti si collocano quelli legati alla danza; ad eccezione dei codici dei balletti allestiti alla corte sabauda nel Seicento e dei manoscritti con la musica di Joseph Starzer per i balli di Franz Hilverding, infatti, non molte fonti sono state negli anni oggetto di indagine e studio. Il saggio dà conto di alcuni dei documenti più interessanti disseminati nelle raccolte (balli teatrali manoscritti e a stampa, raccolte di danze, libretti, trattati, lettere di ballerini e coreografi) e si sofferma in particolare sul fondo donato nel 2011 alla biblioteca da Gianni Secondo, appassionato studioso di storia della danza e bibliofilo. Ancora non disponibile al pubblico, il fondo include circa duemila monografie (fra cui numerose prime edizioni dei trattati di Caroso, Negri, Ménestrier, Feuillet, Noverre, Dufort, Bonnet, Rameau, Cahusac, Gallini, Blasis ecc.), trecento libretti, edizioni musicali, volumi di figurini, ritratti incisi o litografati di ballerini e coreografi, manifesti, foto di scena, annate di testate periodiche, documenti sonori e audiovisivi. Corredano il saggio due appendici con la trascrizione di alcune lettere inedite di Dominique Lefèvre, Charles Lepicq e Carlo Blasis, e l’elenco dettagliato della sessantina di libri antichi e del centinaio di libretti di ballo ottocenteschi del Fondo Secondo.

 



Inizio pagina

Mariateresa Dellaborra

Saverio Mercadante, flute teacher/theorist. Integrations to François Devienne’s “Nouvelle méthode pour la flûte”

By 1827-28, music publisher Richault issued a new edition of François Devienne’s Nouvelle méthode théorique et pratique pour la flûte (Paris: Imbault, 1794). This included additions and updates to the theory section, plus several new pieces by Saverio Mercadante. Close examination of these, as well as of integrations and changes detected in different editions, revealed a significant transformation associated to Italian, and especially Neapolitan, musical taste and style, as some passages from the Introduction confirm. The edition discussed in this essay is still largely overlooked by scholars and ignored by musicians; only one copy in poor condition survives, at the Bibliothèque de Nederlands Muziek Instituut, Den Haag. A rare example of a flute method from that era, much older than those by Briccialdi, Krakamp, DeMichelis, and Galli, it confirms the link between French treatises and Neapolitan methods, with the Milan Conservatory environment as an intermediate stop. Not surprisingly, the only other major flute method, edited by Giuseppe Rabboni, came from Milan, more or less in the same years.

******

Saverio Mercadante teorico e didatta per il flauto. Le integrazioni alla Nouvelle méthode pour la flûte di François Devienne

Probabilmente tra il 1827 e il 1828 l’editore Richault licenziò una nuova edizione della Nouvelle méthode théorique et pratique pour la flûte di François Devienne pubblicata a Parigi nel 1794 da Imbault, offrendo alcune integrazioni e aggiornamenti alla parte teorica e avvalendosi di diversi brani composti da Saverio Mercadante. L’esame di questi ultimi, oltre alle aggiunte e ai cambiamenti apportati al trattato originale nelle sue diverse edizioni evidenziano significative trasformazioni legate al gusto e allo stile italiano e in particolare alla scuola di Napoli, confermate da alcuni paragrafi dell’introduzione. Questa edizione, tuttora trascurata dagli studiosi e ignorata dai musicisti (ne sopravvive una sola copia, e peraltro in pessimo stato di conservazione, alla Bibliothèque de Nederlands Muziek Insituut di Den Haag) rappresenta uno dei rari esempi di metodo per flauto del periodo (e dunque ben precedente ai testi di Briccialdi, Krakamp, DeMichelis, Galli) e conferma lo stretto legame tra la trattatistica francese e i metodi di studio napoletani, mediati dall’ambiente conservatoriale milanese da cui uscirà, quasi negli stessi anni, e non a caso, l’unico altro metodo flautistico veramente significativo curato da Giuseppe Rabboni.

 



Inizio pagina

Virág Büky, Maria Grazia Sità

Bartók and Italy. Travels, contacts, concerts

Béla Bartók visited Italy many times and interacted with many people in the Italian music world. Apart from trips for health care (Merano, 1900) or sightseeing (art city tours, the Alps), he was in attendance at international conferences (Rome, 1911; Florence, 1933) and, most importantly, gave concert tours (1925, 1926, 1927, 1929, 1939). He thus knew Guido M. Gatti and Alfredo Casella in particular. Thanks to archival sources from Hungary (Bartók Archive, Budapest) and Italy (Gatti Archive, Casella Archive), we could reconstruct the network of Bartók’s Italian personal and professional relationships. This essay also documents the composer’s interest in the language—he tried to study Italian and owned Italian books. The Appendix contains: a list of Bartók’s letters concerning Italy; a list of Italian books and music scores preserved in his library; programs of all concerts he gave in Italy; transcription and translation of some unissued letters to Guido M. Gatti.

******

Bartók e l’Italia. Viaggi, contatti, concerti

Béla Bartók si recò in Italia in molte occasioni ed ebbe contatti con vari esponenti del mondo musicale italiano. A parte le occasioni di cura (Merano 1900) o di soggiorno puramente turistico (nelle città d'arte o sulle Alpi), assistette a congressi internazionali (Roma 1911 e Firenze 1933) e soprattutto svolse alcune tournées concertistiche (1925, 1926, 1927, 1929, 1939). In relazione a queste ebbe contatti con vari esponenti del mondo musicale italiano e principalmente con Guido M. Gatti e con Alfredo Casella. Grazie alle fonti soprattutto epistolari custodite oggi in Ungheria (Archivio Bartók di Budapest) e in Italia (Archivio Gatti, Archivio Casella) è stato possibile ricostruire la rete di relazioni personali e professionali che legarono Bartók all'Italia. Nel saggio viene documentato anche l'interesse del compositore per la lingua italiana: Bartók infatti cercava anche di studiare l'italiano e possedeva libri italiani. In appendice si riporta: l'elenco delle lettere bartokiane riguardanti i rapporti con l'Italia; l'elenco dei libri e degli spartiti italiani rimasti nella biblioteca del compositore; i programmi di tutti i concerti tenuti da Bartók in Italia; la trascrizione e traduzione di alcune lettere inedite di Bartók a Guido M. Gatti.

 



Inizio pagina

Franco Sciannameo

Film music by Ildebrando Pizzetti. Notes on the autograph manuscript scores for the films Scipione l’Africano, I promessi sposi, and Il mulino del Po.

This article documents the genesis of the music Pizzetti composed for the films Scipione l’Africano (Carmine Gallone, 1937), I promessi sposi (Mario Comencini, 1942) and Il mulino del Po (Alberto Lattuada, 1949) taking into account the autograph manuscript scores in possession of the Loeb Music Library of the Harvard University and critical texts on film music written by Ildebrando Pizzetti and Fedele D’Amico. Of the three scores, only Scipione l’Africano’s has been preserved in its entirety while the others are fragmentary and often just working sketches. Therefore, this article dedicates ample space to Scipione l’Africano by offering a full cue-by-cue synopsis of the film score juxtaposing it to musical guide Pizzetti wrote for the journal Bianco e Nero (Anno I-N. 7-8-luglio-agosto 1937-XV), the historical perspective of the script, and the film’s reception during Mussolini’s regime at the peak of the popular consensus.

******

Musiche per film di Ildebrando Pizzetti: i manoscritti autografi di Scipione l’Africano, I promessi sposi, Il mulino del Po conservati presso l’Università di Harvard

Questo articolo documenta la genesi delle musiche composte da Pizzetti per i film Scipione l’Africano (Carmine Gallone, 1937), I promessi sposi (Mario Comencini, 1942) e Il mulino del Po (Alberto Lattuada, 1949) basandosi sulle partiture autografe costodite presso la Harvard University e su alcuni scritti critici sulla musica per film di Ildebrando Pizzetti e Fedele D’Amico. Delle tre partiture solo quella per Scipione è completa mentre le altre risultano frammentarie e spesso allo stato di abbozzi di lavoro. Pertanto l’articolo dedica ampio spazio a Scipione l’Africano presentandone la sinossi cue-by-cue della partitura messa a confronto con la guida musicale preparata da Pizzetti per la rivista «Bianco e Nero» (Anno I-N. 7-8-luglio-agosto 1937-XV), col contesto storico della trama e la ricezione del film nell’epoca fascista al culmine del consenso popolare.

 

Fonti Musicali Italiane, 17 (2012)

Inserito in Fonti Musicali Italiane

Sommario

  • Paul Kenyon, A much copied canzona of Ercole Pasquini. Abstract.
  • Angela Fiore, La cappella di Santa Cecilia dei musici di Palazzo di Napoli. Nuove acquisizioni dall’Archivio del Conservatorio della Solitaria. Abstract.
  • Martina Seguro, «Quella giovial consuetudine de’ donativi che si chiamano il Zappato». Una festa barocca alla corte dei Savoia. Abstract.
  • Claudio Bacciagaluppi, Edizioni musicali italiane in alcuni inventari storici svizzeri (1622-1761). Abstract.
  • Giacomo Sciommeri, Uno sconosciuto manoscritto di cantate della Biblioteca provinciale “Pasquale Albino” di Campobasso. Abstract.
  • Carrie Churnside, Music printing in early eighteenth-century Bologna: the case of Giuseppe Antonio Silvani and Pirro Albergati (1716-1717). Abstract.
  • Jean Duron, La réception de l’œuvre de Domenico Scarlatti en France. Abstract.
  • Agueda Pedrero Encabo, Una nuova fonte degli «Essercizi» di Domenico Scarlatti: il manoscritto Orfeó Catalá (E-OC). Abstract.
  • Stefania Gitto, La collezione musicale di palazzo Pitti (1): il catalogo del 1771. Abstract.
  • Stefano Baldi, Musica per i circoli filarmonici e la borghesia a Torino fra Sette e Ottocento: la raccolta ritrovata della Biblioteca d'Arte, Musica e Spettacolo dell’Università. Abstract.
  • Daniele Carnini, Il Teatro della Pergola attorno al 1810, ovvero nascita di un malinteso nella Firenze napoleonica. Abstract.
  • Francesco Bissoli, Due curiosi ballabili per banda di Amilcare Ponchielli. Abstract.
  • Warren Kirkendale, Piccola guida agli archivi e alle biblioteche di Roma preparata in occasione di una escursione di professori e studenti dell’Università di Regensburg. Abstract.
  • Rassegna bibliografica 2011 (con integrazioni per il 2010 e anni precedenti), a cura di Gaia Bottoni, Giulia Giovani, Leonardo Miucci

Abstract


Inizio pagina

Paul Kenyon

A much copied canzona of Ercole Pasquini

Although Ercole Pasquini did not publish any keyboard music, more than thirty pieces are attributed to him in various manuscripts. Concordances are rare, but for one of the canzonas (S.16/Kn.21) six copies are extant, and a seventh, now lost, was known to Torchi. Four of the copies are incomplete, but the entire piece was copied into ms.Naples 48 (ca.1600), ms. Chigi Q viii 206 (ca. 1600-1625), and ms. Naples 73 (ca.1670-1675). Since the errors in ms. Naples 48 and ms. Chigi never coincide, it would seem that these two manuscripts (the oldest sources) are not related, and that there was a split in the transmission. Evidently ms. Naples 73 and two of the incomplete copies are derived from ms. Chigi.The other two incomplete copies are closer to ms. Naples 48. Various features of the sources suggest that yet other copies were made, which are now lost, and that the closing bars may have been revised by the composer. The relationship between the sources is set out in a stemma.

Although Pasquini never visited Naples, two of the complete copies (mss. Naples 48 and Naples 73) are unquestionably Neapolitan. The most likely explanation of this Neapolitan interest in Pasquini is his protracted contact with Gesualdo and other Neapolitan composers in the 1590s, when Pasquini was working in Ferrara. The similarity of Ferrarese and Neapolitan taste is discussed, and the question raised whether ms.Trent, Museo Provinciale d'Arte, Biblioteca musicale L.K.J Feininger, P.F 236 (which contains the largest number of Pasquini attributions) might not also be of Neapolitan provenance.

******

Un canzona di Ercole Pasquini molto copiata

Benché Ercole Pasquini non abbia mai pubblicato opere per tastiera, più di trenta composizioni gli sono attribuite in vari manoscritti. Le concordanze sono rare, ma per una delle canzoni (S.16/Kn.21) esistono sei copie, e una settima – ora perduta – era nota a Torchi. Quattro di queste copie sono incomplete, ma l’intera composizione fu copiata nei ms. Napoli 48 (ca.1600), Chigi Q viii 206 (ca. 1600-1625), e Napoli 73 (ca.1670-1675). Poiché gli errori nel ms. Napoli 48 e nel ms. Chigi non coincidono mai, sembra che questi due manoscritti (le fonti più antiche) non siano in connessione l’uno con l’altro, e che ci sia stata una divisione nella trasmissione. Evidentemente il ms. Napoli 73 e due delle copie incomplete sono derivate dal ms. Chigi.Le altre due copie incomplete sono più vicine al ms. Napoli 48. Varie caratteristiche delle fonti portano a ipotizzare che furono realizzate ancora altre copie, oggi perdute, e che le battute conclusive possono essere state riviste dal compositore. I rapporti tra le fonti sono stati schematizzati in uno stemma.

Benché Pasquini non sia mai stato a Napoli, due delle copie complete (mss. Napoli 48 e Napoli 73) sono sicuramente napoletane. La più probabile spiegazione di questo interesse napoletano per Pasquini è il suo contatto con Gesualdo e altri compositori napoletani negli anni ’90 del Cinquecento, quando Pasquini lavorava a Ferrara. Nell’articolo viene discussa la somiglianza dei gusti ferraresi e napoletani e viene posta la questione se il ms.Trento, Museo Provinciale d'Arte, Biblioteca musicale L.K.J Feininger, P.F 236 (che contiene il maggior numero di attribuzioni a Pasquini) non potrebbe anch’esso essere di provenienza napoletana.

 



Inizio pagina

Angela Fiore

La Cappella di Santa Cecilia dei Musici di Palazzo di Napoli. Nuove acquisizioni dall'Archivio del Conservatorio della Solitaria

La Real Cappella di Palazzo è da sempre considerata la principale istituzione musicale napoletana. Fondata nel 1555 dal vicerè Pedro de Toledo, vide in Diego Ortiz il suo primo maestro e radunò attorno a sé, fra Sei e Settecento, celebri musicisti e compositori. I membri della Real Cappella si raccolsero nel tempo in una propria confraternita sotto l'egida di Santa Cecilia che aveva sede nella Chiesa di Santa Maria di Montesanto di Napoli. Il ritrovamento di alcuni documenti inediti, risalenti ai primi quarant’anni del Seicento, presso il Conservatorio di Nuestra Señora de la Soledad di Napoli, consente oggi di far luce sulla fondazione della confraternita dei Musici di Palazzo e della relativa cappella di Santa Cecilia, la cui sede originaria risulta essere la Chiesa di Nostra Señora de la Soledad annessa all'omonimo Conservatorio. Il Conservatorio della Soledad sorse a fine Cinquecento come istituto assistenziale, con l’intento di ospitare le figlie orfane dei militari spagnoli di stanza nel Viceregno, garantendo loro una vera opera educativa basata non solo sulla dottrina cristiana e sulle arti donnesche ma anche sull'apprendimento della musica. Esponenti della Real Cappella di Palazzo quali Andrea Ansalone, Giovanni Maria Trabaci, Cristoforo Caresana, Gaetano Veneziano, Alessandro Scarlatti, Pietro Marchitelli, Gennaro Ursino, Giuseppe De Bottis etc., furono dunque chiamati a curare la formazione musicale delle religiose e delle educande ospiti oltreché a solennizzare le differenti liturgie, in particolar modo quelle legate alla Settimana Santa. Le vicende della Cappella Reale si intrecciano così a questa istituzione spagnola particolarmente attiva nel panorama musicale partenopeo e si ricollegano anche alla prassi dell’associazione corporativa tra i musicisti, diffusa nel mondo spagnolo e nelle sedi vicereali spagnole.

******

The Cappella di Santa Cecilia dei Musici of Palazzo, Naples. New acquisitions from the Archive of the Soledad Conservatory

The Royal Chapel of Palazzo has always been regarded as the principal music institution of Naples. Founded in 1555 by Viceroy Pedro de Toledo, the first “maestro” of the Chapel was Diego Ortiz and between the seventeenth and eighteenth century the Cappella gathered as members celebrated musicians and composers who formed their own confraternity under the aegis of Saint Cecilia with headquarters in the Chiesa di Santa Maria of Montesanto, Naples. The discovery of hitherto unpublished documents at the Conservatorio di Nuestra Seňora de la Soledad of Naples dating back to the first forty years of the seventeenth century enables us today to throw light on the foundation of the confraternity of the Musicians of Palazzo pertaining to the Chapel of Saint Cecilia, whose original seat was the Chiesa di Nuestra Seňora de la Soledad attached to the homonymous Conservatory. The Soledad Conservatory was founded at the end of the sixteenth century as a charitable institution with the object of welcoming the female orphans of Spanish soldiers stationed in the realm of the Viceroy, guaranteeing them a broad-based education not only on the Christian doctrine and feminine arts, but also on the basics of music. Members of the Real Cappella of Palazzo included Andrea Ansalone, Giovanni Maria Trabaci, Cristoforo Caresana, Gaetano Veneziano, Alessandro Scarlatti, Pietro Marchitelli, Gennaro Ursino, Giuseppe De Bottis who were invited to undertake the musical education of the nuns and their boarders as well as to celebrate with solemnity the various rituals, especially those connected with Holy Week. The fortunes of the Royal Chapel were thus interlaced with those of a Spanish institution particularly active in the Neopolitan musical panorama - and were also connected with the praxis of the corporate association of musicians, widespread in the Spanish world and the Spanish viceregencies.

 



Inizio pagina
Martina Seguro

«Quella giovial consuetudine de’ donativi che si chiamano il Zappato». Una festa barocca alla corte dei Savoia

Forse a causa delle notizie frammentarie e della documentazione lacunosa, gli importanti studi condotti negli ultimi anni sulle feste allestite a Torino nel Seicento non hanno prestato particolare attenzione a un genere peculiare della corte sabauda, lo zapato, una festa costruita intorno allo scambio di doni che veniva organizzata a corte il 6 dicembre, giorno di San Nicola, o alla vigilia della festività. Frutto di accurate ricerche archivistiche e bibliografiche, il saggio fa luce su questo genere spettacolare, ne indaga gli aspetti teatrali e musicali e dà conto delle numerose attestazioni inedite reperite: attestazioni che portano il numero degli zapatos dai poco meno dei quindici esemplari conosciuti a circa cinquanta (sei testimoniati anche da libretti a stampa) e ampliano l’arco cronologico dagli anni Dieci all’intero secolo.

******

A baroque festival at the Savoy Court: the zapato

Owing perhaps to fragmentary information and incomplete documentation, important studies carried out during recent years on the festivities organized at Turin in the seventeenth century have not paid particular attention to a characteristic festivity of the Savoy court: the zapato. Centred around the exchange of gifts, the festivity was organized at the Court on December 6, St. Nicholas Day, or on the evening before. The present paper, the result of careful archival and bibliographic research, throws light on this genre of entertainment, investigating the theatrical and musical aspects and giving account of the numerous unpublished testimonies discovered: testimonies that bear the number of the zapatos, from the fifteen known examples to approximately fifty others (in addition, six witnessed by printed librettos), and amplify the chronological span from the first decade to the whole century.

 



Inizio pagina
Claudio Bacciagaluppi

Edizioni musicali italiane in inventari storici svizzeri

Il presente studio fornisce informazioni bibliografiche sui libri musicali italiani, oggi dispersi, che circolarono in Svizzera nei secoli XVII e XVIII prendendo in esame una particolare categoria di fonti: gli inventari di collezioni musicali compilati prima dell’anno 1800. Tali fonti sono di origini e conformazioni disparate. In maggioranza provengono da istituzioni religiose cattoliche o da società musicali protestanti. Su un totale di venti inventari consultati, dieci includono informazioni sulla circolazione di musica italiana. Gli inventari storici testimoniano la presenza, sul territorio della Vecchia Confederazione, di circa 190 esemplari di stampe italiane oggi non più reperibili, che corrispondono a 150 titoli diversi (elencate in appendice). Si trova conferma del rapporto privilegiato tra i cantoni elvetici e la Lombardia seicentesca, per motivi geografici, commerciali e confessionali. In quest’ultimo ambito appare significativa la ricezione di musica sacra cattolica in ambito protestante. Al di là dell’interesse intrinseco dei singoli dati forniti (in particolare relativamente ad alcuni titoli del tutto sconosciuti ai repertori), un’indagine sistematica basata su questo tipo di fonti presenta una validità metodologica che merita di essere sottolineata. Più in generale, i risultati presentati confermano quanto sia frammentario il repertorio a stampa oggi conosciuto e quali molteplici vie di trasmissione la musica italiana abbia seguito nel suo viaggio verso l’Europa.

******

Italian music editions in Swiss inventories of music collections (1622-1771)

The present study provides bibliographic information on now lost Italian music prints which circulated in Switzerland in the seventeenth and eighteenth centuries by examining a particular category of sources: inventories of music collections compiled before the year 1800. These sources are of sundry origin and appearance. The majority come from Catholic religious institutions or Protestant music societies. Out of a total of twenty inventories consulted, ten include information on the dissemination of Italian music. The inventories offer historical evidence of the presence on the territory of the Old Confederation of about 190 lost copies, respectively of ca. 150 different titles of Italian prints (listed in the Appendix). The titles provide also further evidence of the special relationship between the Swiss cantons and seventeenth-century Lombardy, which had geographical, commercial and religious reasons. In the latter area, the reception of Catholic sacred music within Protestant music societies appears to be a significant phenomenon.

Beyond the intrinsic interest of the data presented (in particular with respect to titles completely unknown to modern bibliographies), a systematic investigation based on this type of source has a methodological validity that deserves to be emphasized. More generally, the results presented confirm the fragmentary nature of the printed repertoire known today, and the multiple paths which Italian music followed in its dissemination throughout Europe.

 



Inizio pagina
Giacomo Sciommeri

Uno sconosciuto manoscritto di cantate della Biblioteca Provinciale “Pasquale Albino” di Campobasso

Il manoscritto segnato Manoscritti Musicali 2, conservato nella Biblioteca Provinciale “Pasquale Albino” di Campobasso, contiene 17 cantate da camera attribuite a Scarlatti, Cesarini, Mancini, Antonio Maria Bononcini, Bencini e Perti. Nel saggio vengono prima di tutto ricostruiti alcuni passaggi della storia del manoscritto: dal suo probabile possessore nel tardo Settecento (Giovanni Maria del Turco), alla possibile provenienza toscana di fine Ottocento (Maria d’Aragona), sino al recente ritrovamento a Roccamandolfi da parte di Sebastiano Martelli, il quale lo donò nel 2009 alla biblioteca molisana. Successivamente, vengono fornite alcune osservazioni codicologiche sulla raccolta, volte a far luce sulla possibile struttura materiale e composita del manufatto: particolare attenzione è stata rivolta all’esame dei copisti che hanno redatto musica e testo delle cantate, attraverso il quale, grazie anche ad alcuni riscontri archivistici, è stato possibile ricondurre determinati fascicoli e composizioni a particolari contesti culturali. Infine, vengono esposte varie considerazioni sulla possibile datazione della composizione e della copiatura delle cantate presenti nel manoscritto, nonché sull’importanza che la ‘nuova’ fonte ha per l’attribuzione di alcuni brani ai rispettivi autori.

******

An unknown manuscript of cantatas in the“Pasquale Albino” Provincial Library, Campobasso

The manuscript marked Manoscritti 2 preserved in the “Pasquale Albino” Provincial Library of Campobasso contains a collection of 17 cantatas attributed to Scarlatti, Cesarini, Mancini, Antonio Maria Bononcini, Bencini and Perti. The present paper first of all reconstructs some passages in the history of the manuscript: from its probable owner in the late eighteenth century (Giovanni Maria del Turco) to its possible Tuscan origin at the end of the nineteenth century (Maria d’Aragona) up to its recent discovery at Roccamandolfi by Sebastiano Martelli, who donated it in 2009 to the Molise Library. Subsequently some codicological comments are made relative to the cantatas, throwing light on the possible material and composite structure of the collection and paying particular attention to the copyists who reproduced the music and text, which (thanks also to archival crosschecking) has resulted in the allocation of some fascicles and compositions to specific cultural contexts. Finally, various considerations are made relative to the possible dating of the composition and subsequent copying of the cantatas, as well as on the importance of the “new” source for the attribution of some pieces to their respective composers.

 



Inizio pagina
Carrie Churnside

La stampa musicale a Bologna all’inizio del Settecento: il caso di Giuseppe Antonio Silvani e Pirro Albergati (1716-1717)

Nella seconda metà del Seicento Bologna fu il centro dominante della stampa musicale Italiana, soprattutto grazie all’attività delle ditte Monti e Silvani. Tuttavia, all’inizio del Settecento la stampa musicale italiana dovette combattere con la forte concorrenza degli editori d’oltralpe. Nel 1716 l’erede della ditta Silvani, Giuseppe Antonio (1672-1726) cercò un sostegno finanziario per le attività della sua casa editrice costituendo una società con il mecenate e compositore conte Pirro Albergati (1663-1735). Alcuni documenti dell’archivio Albergati (conservati nell’Archivio di stato di Bologna) descrivono dettagliatamente i particolari dell’accordo e forniscono nuove informazioni sulle modalità operative di una casa editrice musicale di quel periodo. La società pubblicò opere dello stesso Albergati, di Angelo Bertalotti, Paolo Benedetto Bellinzani e Benedetto Marcello. I registri contabili ci informano sulle tirature, sugli accordi economici con i compositori e sull’andamento delle vendite, mentre la corrispondenza con il fonditore di caratteri veneziano Bartolomeo Falconi non solo dimostra che Silvani rimase legato al metodo di stampa con caratteri mobili (non adottando il metodo dell’incisione che stava diventando sempre più diffuso al di fuori dell’Italia) ma suggerisce anche l’esistenza di usi regionali per quanto riguarda la notazione bianca. Anche se la società Silvani/Albergati fu breve, poiché durò solo un anno e finì in dissenso fra i due soci, un esame di questi documenti accresce la nostra conoscenza della stampa musicale a Bologna nei primi anni del Settecento.

******

Music printing in early eighteenth-century Bologna: the case of Giuseppe Antonio Silvani and Pirro Albergati (1716-1717)

In the second half of the seventeenth century Bologna was the leading centre for Italian music printing, largely through the work of the Monti and Silvani firms. However, by the eighteenth century Italian music printing was struggling in the face of stiff competition from northern Europe. In 1716 the heir to the Silvani business, Giuseppe Antonio (1672-1726) sought financial support for the firm by entering into a partnership with the patron and composer Count Pirro Albergati (1663-1735). Documents located in the Albergati archive (housed in the archivio di stato di Bologna) detail the arrangements for the partnership and provide a new insight into the workings of a music printing firm during the period.

The partnership issued works by Albergati himself, Angelo Bertalotti, Paolo Benedetto Bellinzani and Benedetto Marcello. Account books provide information about the size of print runs, the financial arrangements made with composers and the rate of sale, whilst correspondence with the Venetian iron-founder Bartolomeo Falconi not only demonstrates Silvani’s commitment to moveable type (as opposed to the increasingly popular engraving method) but also suggests regional variations in the use of void notation. Whilst the Silvani/Albergati partnership was brief, lasting only a year and ending in acrimony, an examination of these documents increases our knowledge of music printing in Bologna in the early eighteenth century.

 



Inizio pagina
Jean Duron

La ricezione dell’opera di Domenico Scarlatti in Francia

Le opere per tastiera a stampa di Domenico Scarlatti sono note soprattutto attraverso i famosi Essercizi pubblicati da Fortier a Londra nel 1738, raccolta che finora era considerata come la prima pubblicazione di pezzi per tastiera del compositore, e su cui Ralph Kirkpatrick fondò – per questa ragione – la numerazione delle opere di Scarlatti. In realtà, questa raccolta fu preceduta nel 1737 da una prima serie di due volumi francesi pubblicati dalla vedova Boivin e da Leclerc a Parigi. Questo articolo riprende in esame queste pubblicazioni insieme alle successive: le XLII Suites de pièces raccolte da Roseingrave (Londres, Cooke, 1739) e i tre volumi della seconda serie francese (Parigi, Boivin-Leclerc, 1740-1751); studia inoltre i differenti contesti editoriali e cerca di individuare i legami che poterono esistere fra i diversi editori. Nella seconda parte, l’articolo colloca le pubblicazioni francesi di Scarlatti nel progetto editoriale di Boivin e Leclerc per la musica cembalistica. Questi editori, che fino ad allora avevano pubblicato solo musica francese per gli strumenti a tastiera, sembrano abbandonare gli artisti francesi in favore di quelli stranieri. Questa scelta politica ebbe delle conseguenze notevoli sui giovani musicisti che fecere incidere le loro opere nel decennio successivo.

******

The reception of Domenico Scarlatti’s music in France

The published keyboard works of Domenico Scarlatti are known above all for the celebrated Essercizi (Fortier, London, 1738), a collection which up to now has been considered the first of the composer’s pieces for piano to be published and on this supposition Ralph Kirkpatrick based his numeration of Scarlatti’s works. In actual fact the collection was preceded in 1737 by an earlier series of two French volumes, published in Paris by the widow Boivin and by Leclerc. This article first of all re-examines these publications together with the successively published xlii Suites de pièces, collected by Roseingrave (London, Cooke, 1739), and the three volumes of the second French series (Paris, Boivin-Leclerc, 1740-1751). In addition the article studies the various editorial disputes and endeavours to identify the links that could have existed between the various publishers. The French publications of Scarlatti in the Boivin-Leclerc editorial project for harpsichord music are collocated in the second part of the article. The two publishers, who till that moment published only French music for keyboard instruments, seemed to have abandoned French artists in favour of foreigners, a policy decision which had notable consequences for young musicians bent on recording their works in the subsequent decade.

 



Inizio pagina
Agueda Pedrero Encabo

Una nuova fonte degli «Essercizi» di Domenico Scarlatti: il manoscritto Orfeó Catalá (E-OC)

Un manoscritto localizzato nella biblioteca Orfeó Catalá di Barcellona e datato 1740 contiene quindici sonate che formano parte dell’edizione londinese degli Essercizi (1739) di Domenico Scarlatti. A parte il valore intrinseco che questo volume mostra come testimone della diffusione in Spagna delle sonate denominate Essercizi in una data piuttosto vicina a quella di composizione, un esame del supporto consente di acquisire elementi importante sul processo di copiatura, sul copista e sulla provenienza del manoscritto stesso. L’analisi della scrittura e delle varianti musicali offre nuove ipotesi sul ruolo che questo manoscritto ha avuto soprattutto in confronto con fonti coeve localizzate in differenti archivi (Arsenal, Münster, Biblioteca de Cataluña) e con edizioni contemporanee (Roseingrave e edizioni francesi) e in maniera particolare con l’edizione londinese degli Essercizi curata dallo stesso Scarlatti.

******

A new source for the Essercizi of Domenico Scarlatti: the Orfeó Catalá (E-OC) manuscript

A manuscript located in the Orfeó Catalá library and dated 1740 contains fifteen sonatas which form part of the London edition of Domenico Scarlatti’s Essercizi (1739). Apart from the intrinsic value of this manuscript as witness of the diffusion in Spain of the sonatas entitled Essercizi at a date close to that of composition, examination has revealed important facts regarding the process of copying, the copyist and the place of origin of the manuscript itself. Analysis of the writing and of the musical variants offers new hypotheses as to the role of this manuscript, above all in comparison with coeval sources located in different archives (Arsenal, Münster, Biblioteca de Cataluña) and with contemporary editions (Roseingrave and French editions), particularly in connection with the London edition of Essercizi edited by Scarlatti himself.

 



Inizio pagina
Stefania Gitto

La collezione musicale di Palazzo Pitti (1): il catalogo del 1771

Le musiche della biblioteca del granduca di Toscana Pietro Leopoldo d’Asburgo-Lorena e dei suoi successori furono raccolte e custodite presso la corte fiorentina di Palazzo Pitti fino al 1862, anno nel quale, dopo non poche trafile burocratiche, vennero trasferite nella biblioteca dell’allora Regio Istituto Musicale, oggi Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze. Il fondo Pitti, restaurato e riordinato negli anni successivi all’alluvione del 1966, è stato nel 2010 oggetto di catalogazione informatica e di studio storico: esso contiene più di seimila opere musicali suddivise in tre sezioni – Teatro, Chiesa e Strumentale – di provenienza toscana e austriaca, a testimonianza del forte legame tra Firenze e Vienna a partire dalla seconda metà del XVIII secolo. Il presente studio vuole ripercorrere le vicende della raccolta musicale degli ultimi granduchi di Toscana, a partire dal nucleo originario della personale “nuova libreria palatina” del 1765 e delle musiche ad uso della Real Camera e Cappella settecentesca, fino alla costituzione dell’Archivio di Musica, oggi conosciuto come Fondo Pitti. In questa prima parte, viene preso in esame e riprodotto in appendice l’elenco delle opere musicali (114 numeri) contenuto nel più antico catalogo della Libreria palatina degli Asburgo Lorena, stampato nel 1771; nonché alcuni documenti relativi all’archivio di musica ad uso della Real Camera e Cappella.

******

The music collection of Palazzo Pitti (1): the catalogue of 1771

The music scores in the library of Pietro Leopoldo d’Asburgo-Lorena, Grand Duke of Tuscany, and his successors were collected and preserved at the Florentine court of Palazzo Pitti until 1862, the year when – after not a few bureaucratic procedures – they were transferred to the library of the then Regio Istituto Musicale, today the “Luigi Cherubini” Conservatory of Florence. The Pitti “fondo”, restored and reorganized in the years following the flood of 1966, was the object of computer cataloguing and historical study: the “fondo” contains over six thousand musical works subdivided into three sections – Theatre, Church, Instrumental – of Tuscan and Austrian origin, witnessing the strong tie between Florence and Vienna from the second half of the eighteenth century. The present paper plans to retrace the succession of events accompanying the music collection of the last Grand Dukes of Tuscany, starting from the original nucleus of the private “new Palatine Library” of 1765 and of the music performed by the Real Camera and the eighteenth-century Cappella up to the constitution of the Music Archive, known today as the “Fondo Pitti”. In this first part, the list of musical works (114 in number) contained in the oldest catalogue of the Hapsburg-Lorraine Palatine Library (printed in 1771) will be examined and reproduced in appendix, in addition to documents relative to the Music Archive of the Real Camera and Cappella.

 



Inizio pagina
Stefano Baldi

Musica per i circoli filarmonici e per la borghesia a Torino fra Sette e Ottocento: la raccolta ritrovata della Biblioteca d'Arte, Musica e Spettacolo dell’Università

La Biblioteca di Arte, Musica e Spettacolo del Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Torino possiede una raccolta di manoscritti musicali non ampia, ma omogenea: le indicazioni di possesso che vi si ritrovano riconducono la raccolta alla cerchia di Luigi Colla, noto avvocato e botanico, e della figlia Teofila, dilettanti di musica. Questo permette di ampliare il discorso ai circoli di musica attivi a Torino tra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento, all'apporto di Bonifacio Asioli (rappresentato nella raccolta) e al ruolo di Carlo Botta, oltre a gettare nuova luce sugli inizi dell'Accademia Filarmonica di quella città. Nella raccolta – il cui catalogo è dato in appendice – è visibile tanto una precoce ricezione italiana dello Haydn tastieristico quanto l'entusiastico favore degli intellettuali torinesi per le arie di Anfossi e Paisiello, oltre a testimonianze di autori nati o attivi in Piemonte come Giovanni Domenico Perotti, Domenico Mombelli, Amedeo Rasetti, Luigi Borghi, Giuseppe Farinelli e a varie composizioni anonime. Infine, si propongono alcune osservazioni sulle fonti di musica per strumento da tasto emerse insospettatamente in Piemonte in tempi recenti, supporti finalizzati alla ricreazione ma anche all'avviamento alla professione musicale: tali testimonianze lasciano intravedere il complesso ruolo giocato dalla musica per la nuova borghesia di primo Ottocento.

******

Music for the philharmonic circles of Turin between the eighteenth and nineteenth century. The collection of the University Biblioteca d’Arte, Musica e Spettacolo

The Biblioteca d’Arte, Musica e Spettacolo of the Department of Humanistic Studies, Turin University possesses a collection of music manuscripts that although not very extensive is homogeneous: the indications of ownership assigned the collection to the Circle of Luigi Colla (prominent lawyer and botanist) and his daughter Teofila, both music aficionados. Our research was consequently extended to cover the music circles active in Turin between the end of the eighteenth and the beginning of the nineteenth century, as well as the contribution of Bonifacio Asioli (included in the collection) and the role of Carlo Botta; in addition fresh light was thrown on the foundation and early days of the city’s Philharmonic Academy.

The collection – a complete catalogue is reproduced in the Appendix – reveals not only the precocious Italian adoption of Haydn’s keyboard technique, but also the enthusiastic fervour of Turin intellectuals for the arias of Anfossi and Paisiello; in addition it provides proof of the existence of composers born or active in Piedmont (for instance, Giovanni Domenico Perotti, Domenico Mombelli, Amedeo Rasetti, Luigi Borghi, Giuseppe Farinelli) and also includes various anonymous compositions. Finally, attention is drawn to the sources of keyboard instrument music recently, and unexpectedly, found in Piedmont; finalized not only as a pastime but also as an introduction to the musical profession, these examples give a glimpse of the complex role played by music for the new bourgeoisie of the early nineteenth century.

 



Inizio pagina
Daniele Carnini

Il Teatro della Pergola attorno al 1810, ovvero nascita di un malinteso nella Firenze napoleonica

La vita teatrale dell'Italia napoleonica fu contraddistinta dal conflitto tra i costumi italiani e i regolamenti, molto più prescrittivi, importati dalla legislazione in vigore nell'Impero francese. L'applicazione alla lettera delle norme valide per Parigi e la Francia poteva significare lo scardinamento di un sistema e delle sue convenzioni: è il caso, per esempio, delle cosiddette privative. Il sistema cercò di adattarsi al mutato orizzonte normativo, talora combattendolo, finché la fine della dominazione francese fece tornare (apparentemente) tutto allo status quo. Un esempio particolarmente chiaro è nei documenti conservati presso l'Archivio dell'Accademia degli Immobili, proprietaria del teatro fiorentino della Pergola, relativi al periodo 1809-1814 e alle vicende che riguardarono gli impresari Carlo Boschi e Osea Francia.Il confronto tra i contratti coi due impresari, stipulati a distanza di quattro anni, è la mossa d'avvio per una discussione dei rapporti tra politica e teatro (crocevia della società) nel primo Ottocento italiano.

******

Teatro della Pergola in 1810 ­­– or the birth of a misapprehension in Napoleonic Florence

Theatrical life in Napoleonic Italy was marked by the conflict between Italian customs and the far more prescriptive regulations introduced by the legislation in force in the French Empire. The verbatim application of rules valid for Paris and France signified a potential disruption of the existing system and its conventions: for example, the so-called monopolies. Attempts were made to adjust to the changed normative horizon but at times conflict was unavoidable till eventually, with the termination of French domination, everything returned (apparently) to the previously existing state of affairs. A particularly graphic example can be found in documents preserved in the Archive of the Accademia degli Immobili (proprietor of the Florentine Teatro della Pergola) relative to the period 1809-1814 and to events connected with two impresarios: Pietro Boschi and Osea Francia. Comparison of the contracts of the impresarios, stipulated four years apart, led to the discussion of the relations between politics and theatre (crossroads of society) in early nineteenth century Italy.

 



Inizio pagina
Francesco Bissoli

Due curiosi ballabili per banda di Amilcare Ponchielli

L'ampiezza della produzione per banda di Ponchielli riflette il suo lungo magistero come 'capomusica' a Piacenza e a Cremona. Il corpus, ripreso in seria considerazione solo in anni recenti, consta di marce civiche e funebri, ballabili, elegie e concerti virtuosistici per strumenti a fiato, trascrizioni, fantasie e pot-pourri su opere. Fortuiti ritrovamenti di fonti, come nel caso delle due sconosciute partiture autografe, conservate presso la Houghton Library della Harvard University, che vengono qui presentate, permettono di arricchire ulteriormente il già ricco catalogo.

******

Two curious dances for band composed by Amilcare Ponchielli

Ponchielli’s production for bands is extensive, reflecting his lengthy experience as “bandmaster” at Piacenza and Cremona. The corpus, only recently taken into serious consideration, consists of civic and funeral marches, dances, elegies and virtuoso concertos for wind instruments, transcriptions, fantasia and operatic pot-pourri. Fortuitous discoveries of sources such as the two unknown autograph scores in the Houghton Library of Harvard University, which are presented in this paper, enable a further enrichment of an already rich catalogue.

 



Inizio pagina
Warren Kirkendale

Piccola guida agli archivi e alle biblioteche di Roma preparata in occasione di una escursione di professori e studenti dell’Università di Regensburg

La visita a Roma di alcuni membri dell’Istituto di Musicologia dell’Università di Regensburg ha fornito un’ottima opportunità di sintetizzare per i partecipanti decenni di esperienza negli archivi italiani, specie quelli di Roma e Firenze, nella speranza che questo possa facilitare questo genere di ricerca. La lunga e faticosa ricerca basata sulle fonti è oggi purtroppo trascurata, benché essa costituisca il miglior mezzo per scoprire nuove e affidabili informazioni concrete. La prima parte dell’articolo tratta sia delle varie tipologie di documenti conservate negli archivi, e di come trovarli e utilizzarli (lettere, diari, ruoli, fatture e ricevute, registri parrocchiali, documenti notarili, materiali iconografici), sia di problemi specifici come la cronologia, la paleografia, la genealogia e l’araldica. La seconda parte delinea molto brevemente la storia e il contenuto dei dieci archivi e biblioteche visitati nel corso dell gita, ed elenca le fonti esaminate e commentate (i commenti non sono compresi nell’articolo).

******

Brief guide to the archives and libraries of Rome compiled on the occasion of the visit of the professors and students of Regensburg University

The excursion to Rome by members of my former institute of musicology at the University of Regensburg provided a welcome opportunity to summarize in advance for the participants decades of experience in Italian archives, especially those of Rome and Florence, in the hope that this might facilitate such work. The time-consuming source-based research is unfortunately neglected today, though it is the best means of discovering new and reliable concrete information. The first half of the article deals with the various kinds of documents preserved in archives and how to find and use them (letters, diaries, payrolls, bills with their receipts, parish registers for vital statistics, notaries’ records, graphic materials) as well as special problems such as chronology, palaeography, genealogy, and heraldry. The second half sketches very briefly the history and content of the ten archives and libraries visited, listing the representative samples of sources examined and provided with commentaries not included in this article.

 

Fonti Musicali Italiane, 16 (2011)

Inserito in Fonti Musicali Italiane

Sommario

  • Angela Bellia, Musica e potere in Sicilia. Simboli musicali alla corte di Manfredi III Chiaromonte. Abstract.
  • Mayla Ordano - Silvia Caratti, «Successi del mondo» (1645-1669): spoglio delle notizie di interesse musicale. Abstract.
  • Michela Berti, Un caso di committenza dell'Ambasciatore francese a Roma: il Componimento Dramatico di Jommelli e il quadro Fête musicale di Pannini. Abstract.
  • Giovanni Polin, Il collezionismo librettistico a Venezia tra XVIII e XIX secolo: appunti per un quadro d’insieme. Abstract.
  • Grazia Carbonella, Musica e spettacolo nel Giornale patrio della famiglia Villani di Foggia (1800-1860). Abstract.
  • Armando Fabio Ivaldi, Uno scenografo e un teatro d’opera da riscoprire: Agostino Lessi e il Pagliano di Firenze. Abstract.
  • Marta Crippa, 1861: Le sorelle d’Italia. Mistero di Arrigo Boito posto in musica da Arrigo Boito e Franco Faccio. I testimoni dell'opera. Abstract.
  • Antonella Bartoloni, Una nuova fonte per la ricerca: il portale Permusica. Abstract.
  • Alessandra Rossi, Il progetto Bononcini. Abstract.
  • La Rassegna bibliografica 2010, a cura di Gaia Bottoni, Giulia Giovani, Leonardo Miucci.

Abstract


Inizio pagina
Angela Bellia

Musica e potere in Sicilia. Simboli musicali alla corte di Manfredi III Chiaromonte (XIV secolo)

I dipinti del soffitto ligneo della Sala Magna di Palazzo Chiaromonte di Palermo furono commissionati da Manfredi III, appartenente al casato dei Chiaromonte. Nel tetto dello Steri è condensata una «vera enciclopedia dell’arte medievale», un vero speculum historiale e summa figurativa delle più diverse forme letterarie e iconografiche. Tutta la ricca e articolata trama di immagini, di elementi floreali, geometrici e antropomorfi, di stemmi araldici, di scritte d’argomento sacro o morale, di figure grottesche e lo sviluppo delle varie sequenze di rappresentazioni costituiscono la nervatura di una narrazione figurativa tesa a enunciare un messaggio didascalico e celebrativo: l’omaggio alla moglie di Manfredi III, Eufemia Ventimiglia. Non manca dall’«enciclopedia» la presenza di scene musicali e di danza, nonché di figure di suonatrici e suonatori, talvolta mostruosi, che rivela una stretta connessione con il mondo aristocratico e presuppone un internazionalismo «cortese» e una visione feudale del mondo che celebra la nobiltà come istituto e si avvia verso una progressiva laicizzazione culturale.

Le immagini musicali del soffitto evidenziano una notevole tempestività di informazione, da un lato rispetto ai rilevanti movimenti culturali verificatesi in Europa nel corso del Trecento e alla connessa produzione artistica, dall’altro rispetto al recupero di temi e motivi figurativi ripresi dall’antichità. Nella reinterpretazione dei pittori dello Steri i protagonisti delle scene musicali diventano preziose presenze, funzionali alla glorificazione della corte di Manfredi III e del suo potere.

******

Music and power in Sicily. Musical symbols at the court of Manfredi III Chiaromonte (XIV century )

The paintings on the wooden ceilings of the Sala Magna of Palazzo Chiaromonte at Palermo were commissioned by Manfredi III of the house of Chiaromonte. An “authentic encyclopedia of medieval art” is condensed on the ceiling of the Steri, a genuine speculum historiale and summa figurativa of very different literary and iconographic forms. The rich and articulate web of pictures, of floral, geometric and anthropomorphic elements, of heraldic crests, of sacred or moral inscriptions, of grotesque figures and the sequences of these artistic images constitute the nervature of a figurative narration intent on presenting an instructive and celebratory message: a homage to Euphemia Ventimiglia, the wife of Manfredi III. The “encyclopedia” does not lack musical and dance scenes as well as figures of male and female musicians, sometimes grotesque, revealing a close connection with the aristocratic world and implying a “courtly” internationalism and a feudal vision of a world that celebrates the Nobility as an institution and is moving towards the onset of cultural secularization.

The musical images of the ceiling provide a splendid opportunity for gathering information with regard, on the one hand, to the significant cultural movements taking place in Europe during the fourteenth century together with the associated artistic production and, on the other, to the revival of figurative themes and motifs of antiquity. In the reinterpretation of the Steri painters, the protagonists of the musical scenes become invaluable witnesses to the glorification of the court of Manfredi III and of his governance.



Inizio pagina
Silvia Caratti - Mayla Ordano

«Successi del mondo» (1645-1669): spoglio delle notizie di interesse musicale

Il 1° febbraio 1645 vide la luce nella capitale sabauda il primo numero dei «Successi del mondo», gazzetta voluta dalla duchessa reggente, Cristina di Francia, che concesse all'abate Pietro Antonio Socini il privilegio di stampare notizie relative alla città di Torino - e non solo - servendosi dello stampatore ducale Giovanni Sinibaldo. I «Successi», che sopravvissero fino al 1669, uscivano due volte la settimana dando conto dei principali avvenimenti riguardanti le più importanti corti europee, con particolare attenzione alle questioni belliche e politico-dinastiche. A parte venivano talvolta stampati opuscoletti, panegirici, relazioni su battaglie, tumulti o altre questioni politiche, che ancora oggi capita di trovare allegati agli esemplari.

Dopo una breve introduzione che ricostruisce, anche attraverso i documenti d'archivio, le principali tappe della vita della gazzetta e del suo fondatore, il contributo propone la trascrizione delle notizie di interesse musicale rinvenute negli esemplari a noi noti (conservati a Torino presso la Biblioteca Nazionale Universitaria, la Biblioteca Reale e l’Archivio Storico della Città, e nella Città del Vaticano presso la Biblioteca Apostolica Vaticana). Tralasciando i generici riferimenti ai Te Deum, cantati ad ogni piè sospinto, si tratta di notizie (spesso ignorate dalla letteratura di riferimento) relative a feste e spettacoli allestiti per lo più presso la corte francese e quella sabauda, con particolare attenzione agli aspetti dinastici, cerimoniali e spettacolari. Lo spoglio è corredato dagli indici dei nomi e dei titoli di interesse musicale.

******

«Successi del mondo» (1645-1669): culling of news items of musical interest

On February 1, 1645 the first number of “Successi del mondo” appeared in the news-stands of the Savoy capital, a gazette published by express wish of the Regent, Grand Duchess Cristina of France, who granted Abbot Pietro Antonio Socini not only the privilege of printing items of news concerning Turin, but also the possibility of using the ducal printer, Giovanni Sinibaldo. The “Successes”, which continued up to 1669, came out twice a week and recounted the principal events occurring at the most important European courts, with particular attention to war correspondence and political-dynastic issues. Sometimes laudatory pamphlets, reports of battles, riots or other political events were printed separately and can still be found today attached to copies of the gazette.

After a short introduction reconstructing – also by means of archive documents – the main stages in the life of the gazette and of its founder, the article proposes the transcription of news items of musical interest discovered in the examples examined (preserved at Turin in the Biblioteca Nazionale Universitaria, the Biblioteca Reale and the city’s Historical Archive and at Rome in the Biblioteca Apostolica Vaticana of Vatican City), ignoring the multitude of generic references to the singing of Te Deums and concentrating on the accounts (often ignored by reference literature) on the festivities and entertainments organized for the most part at the French and Savoy courts, with particular attention to the dynastic, ceremonial and spectacular aspects. The examination is accompanied by indexes of the names and headlines of musical interest.



Inizio pagina
Michela Berti

Un caso di committenza dell’Ambasciatore francese a Roma: il Componimento Dramatico di Jommelli e il quadro Fête musicale di Pannini per le nozze del Delfino di Francia (1747)*

Frédéric-Jérôme de la Rochefoucauld fu ambasciatore francese presso la Santa Sede dal 1745 al 1748. Nel 1747 si celebrarono a Versailles le seconde nozze del Delfino di Francia, Louis Ferdinand, con Maria Giuseppa di Sassonia. Come consuetudine, l’evento fu occasione di grandiosi festeggiamenti anche a Roma.

Il saggio ricostruisce le manifestazioni di allegrezza organizzate nella città papale dall’ambasciatore: Messa e Te Deum a S. Luigi de’ Francesi, corteggio, fuochi d’artificio, rinfreschi e una magnifica cantata celebrativa eseguita per tre sere presso il teatro Argentina. L’autore della musica della cantata fu Niccolò Jommelli, già affermato a Roma come operista; la stesura del testo del libretto venne affidata a Flaminio Scarselli, bolognese. Le scenografie e le decorazioni del teatro furono opera di Giuseppe Pannini, figlio del più celebre Gian Paolo, già da molti anni a servizio degli ambasciatori francesi a Roma. Quest’ultimo ci ha lasciato una tela commemorativa della serata commissionata come dono al Re di Francia dall’ambasciatore, ora conservata presso il Musée du Louvre, fonte di preziose informazioni anche per la ricostruzione dell’evento musicale.

Numerose le fonti di diversa natura a noi pervenute che contribuiscono a rendere la ricostruzione di questo evento particolarmente vivida e affidabile: oltre alle cronache dell’epoca, abbiamo una nutrita corrispondenza tra vari personaggi di spicco; i documenti conservati presso l’Archives des Pieux Etablissements de France à Rome et à Lorette relativi alle esecuzioni musicali a S. Luigi de’ Francesi; il libretto di Flaminio Scarselli; la partitura della cantata, recentemente ritrovata e di cui si dà qui la prima descrizione.

******

A commission from the French ambassador at Rome: Jommelli’s Componimento Dramatico and Pannini’s Fête musicale for the wedding of the Dauphin of France (1747)*

Frédéric-Jérôme de la Rochefoucauld was French Ambassador to the Holy See from 1745 to 1748. In 1747 the second wedding of the Dauphin of France, Louis Ferdinand, to Maria Giuseppa of Saxony was celebrated at Versailles. As was the custom, the event was the occasion for grandiose festivities also in Rome.

The paper reconstructs the manifestazioni di allegrezza organized in the papal city by the Ambassador: Mass and Te Deum at St. Luigi de’ Francesi, procession, fireworks, refreshments and a magnificent celebratory cantata sung at Teatro Argentina on three successive evenings. The composer of the music of the cantata was Niccolò Jommelli, already well-known at Rome for his operas; the text of the libretto was entrusted to the Bolognese Flaminio Scarselli.

Giuseppe Pannini was responsible for the scenography and decorations of the theatre; son of the more celebrated Gian Paolo he had already been for many years in the employ of the French ambassadors at Rome. A commemorative painting of the event by Gian Paolo, commissioned by the Ambassador as a gift to the King of France, is now preserved at the Musée du Louvre and is a source of precious information also for reconstructing this musical event. Numerous different sources have reached us which contribute to making the reconstruction of this event particularly vivid and dependable: in addition to the chronicles of the period we have not only a considerable corrispondence between various distinguished personalities of the time, but also documents in the Archives des Pieux Etablissements de France à Rome et à Lorette relative to the musical performances at S. Luigi de’ Francesi, the libretto of Flaminio Scarselli and the score of the cantata, recently rediscovered and given here its first description.



Inizio pagina
Giovanni Polin

Il collezionismo librettistico a Venezia tra XVIII e XIX secolo: appunti per un quadro d'insieme

Il mito di Venezia come luogo fondativo del melodramma trova un suo preciso riflesso fin dal XVIII secolo nelle diverse raccolte (più o meno complete) dei libretti dei drammi per musica allestiti sui palcoscenici della Dominante che vennero collezionate, ad esempio, da letterati come Apostolo Zeno, librai come Antonio Groppo, notai come Raffaele Todeschini, e figure più complesse come il conte Marcantonio Corniani degli Algarotti.

Se sono note agli studiosi varie collezioni complete dei libretti dei melodrammi dati a Venezia dal 1637 alla caduta della Repubblica, meno noto è che l'importanza di queste serie è legata anche ai cataloghi completi di tali opere che diversi di questi raccoglitori acquisirono o redassero di proprio pugno annotando non solo le varie differenti ristampe e le varie riprese per cui non si reimpresse un testo ma anche e soprattutto frequenti note di carattere cronachistico, preziose per conoscere il contesto e gli esiti dei drammi inscenati, oltre che per l'attribuzione di opere apparentemente adespote. Assieme al noto catalogo redatto da Antonio Groppo vanno sicuramente presi in considerazione i vari e preziosi manoscritti raccolti a questo scopo nella ricchissima collezione Corniani Algarotti dispersa per motivi ereditari tra due biblioteche e la cui storia si ricostruisce qui per la prima volta. Giova fin d'ora segnalare il ritrovamento in una di queste biblioteche di una preziosa raccolta di autografi di drammi per musica (e non solo) del librettista Giuseppe Foppa.

******

Libretto collections in Venice between the eighteenth and nineteenth centuries: notes for an overall picture

The myth of Venice as the birthplace of opera stems from the existence since the eighteenth century of diverse collections (more or less complete) of libretti for music dramas produced on the stages of the Dominante, collected (for example) by men of letters like Apostolo Zeno, booksellers like Antonio Groppo, notaries like Raffaele Todeschini and more complex figures like Count Marcantonio Corniani degli Algarotti.

Scholars are well aware of the existence of complete collections of opera librettos presented at Venice from 1637 up to the fall of the Republic, but less well-known is the fact that the importance of these various collections is also connected with the unabridged catalogues of the operas which many of the collectors acquired or themselves rewrote, noting the various different reprints and revivals, with the result that not only the texts were reprinted, but also – and above all – notes of a chronological nature which are invaluable for giving information on the context and reception of the dramas staged, as well as for the attribution of operas hitherto anonymous.

Considered worthy of attention, together with the well-known catalogue compiled by Antonio Grosso, are the various invaluable manuscripts (culled for this purpose) in the rich collection of Corniani Algarotti and dispersed on his death between two libraries, whose history has been reconstructed here for the first time. It is worthwhile mentioning that a precious collection of autographs of musical dramas (and not only these) belonging to the librettist Giuseppe Foppa has been found at one of the libraries.



Inizio pagina
Grazia Carbonella

Musica e spettacolo nel Giornale patrio della famiglia Villani (1800-1860)

Il Giornale patrio è una cronaca dei principali eventi accaduti nella città di Foggia: compilata per “privata memoria” dal primo estensore, Carlo Maria Villani, e proseguita dal fratello Andrea Maria e dai suoi figli, Francesco Paolo e Giovanni, redatta in forma di diario, copre l’intero Ottocento. La narrazione degli eventi cittadini appare in linea di massima stringata e impersonale, tuttavia le diverse annate non risultano uguali per ricchezza di dettagli, probabilmente perché redatte da differenti autori.

L’interesse per il Giornale patrio è motivato dall’esiguo numero di fonti locali utili per la ricostruzione storico-musicale della Capitanata, anche a causa degli eventi bellici del secolo scorso. La lettura di questa lunga cronaca risulta interessante per ricostruire non solo la storia dei teatri e dei loro allestimenti, di cui è relativamente semplice trovare traccia nei documenti d’archivio, quanto per delineare un altro panorama, meno battuto dalle ricerche e meno attestato dai documenti ufficiali. Si tratta di tutta una serie di iniziative minori, rispetto agli eventi teatrali, quali accademie musicali – organizzate anche in abitazioni private e che testimoniano una vivace attività dilettantistica – oltre alle manifestazioni civili e religiose, in cui la musica era sempre protagonista col sostegno di allestimenti effimeri, puntualmente riferiti nel Giornale, di cui altrimenti non avremmo traccia. È possibile così acquisire dettagli e nomi inediti, utili sia per connotare ulteriormente le biografie dei musicisti in transito per Foggia, sia per delineare il panorama musicale cittadino. La cronaca, infatti, riferisce nomi e attività dei dilettanti locali, dei maestri di cappella e delle principali istituzioni cittadine, consentendo, così allo studioso di tracciare una quadro più articolato da cui è possibile desumere quale fosse il contesto culturale e musicale del primo Ottocento a Foggia.

******

Music and entertainment in the Giornale patrio of the Villani family (1800-1860)

The Giornale patrio began as a chronicle of the principal events taking place in the city of Foggia. Compiled for ‘personal recollection’ by its first editor Carlo Maria Villani, continued by his brother Andrea Maria and by their respective sons Francesco Paolo and Giovanni, it was realized in the form of a diary covering the whole nineteenth century. The narration of the city events is as a rule concise and impersonal; however, the accounts of the various years are not equal in richness of detail, probably because written by different authors.

Interest in the Giornale patrio is justified by the limited number of local sources useful for a historical-musical reconstruction of the Capitanata (due also to the wars of the nineteenth century). Reading the lengthy chronicle is of interest not only for reconstructing the history of the various theatres and their productions (easily traced in archive documents), but also for outlining another panorama, less researched and less supported by official documents. That is, the series of minor initiatives (in comparison to theatrical performances) such as musical academies – organized also in private houses and bearing witness to a lively amateur activity – and secular or religious events where the music was always protagonist supported by ephemeral productions, duly recounted in the Giornale, which otherwise would have disappeared without trace. In this way it has been possible to obtain hitherto unpublished details and names, useful both for completing the biographies of musicians passing through Foggia and for outlining the city’s musical panorama. The chronicle, in fact, cites the names and activities of local amateurs, of maestri di cappella, of the principal institutions of the city, thus enabling the scholar to trace a more detailed picture from which the cultural and musical circumstances of early nineteenth-century Foggia can be deduced.



Inizio pagina
Armando Fabio Ivaldi

Uno scenografo e un teatro d’opera da riscoprire: Agostino Lessi e il Pagliano di Firenze (1852-1873)

L’attività di Agostino Lessi si lega in modo abbastanza stretto con un teatro molto noto a Firenze dopo il 1850 e particolarmente caro ad Aldo Palazzeschi. Questo saggio costituisce una prima indagine sullo scenografo, riscoperto in questa occasione, al fine di ricostruire tanto la sua biografia quanto la sua carriera artistica, svoltasi probabilmente soprattutto in Toscana ed in special modo nel Teatro Pagliano di Firenze. Il Lessi, come il più anziano collega Michele Canzio attivo al Teatro Carlo Felice di Genova (1828-1850 ca.), è stato finora impropriamente considerato una “figura minore” nel panorama degli scenografi che lavorarono nella prima metà e a cavallo dell’Ottocento, mentre costituisce invece, con ogni probabilità, un interessante esempio di “assimilazione-trasformazione” di famosi modelli altrui, al fine di creare originali prototipi scenografici legati soprattutto alla messinscena di opere verdiane. Un ulteriore obiettivo del saggio è pure quello di chiarire meglio, sia pure con altri interventi al riguardo, la cospicua programmazione di opere e balli proposti al Teatro Pagliano, per quanto possibile integrati con la produzione di scene di Agostino Lessi, in un arco storico-politico e culturale che abbraccia un importante periodo della storia italiana (dai Lorena fino a dopo l’Unità d’Italia). La nuova sala fiorentina, ancora oggi esistente come Teatro Verdi, era stata inaugurata nel 1854 con il Viscardello di Verdi ed era stata fatta costruire da Girolamo Pagliano, da cui prese il nome, un chiacchierato farmacista-imprenditore, nonché cantante mancato, che aveva fatto fortuna con un omonimo sciroppo lassativo venduto anche all’estero.

******

The rediscovery of a scenographer and an opera house: Agostino Lessi and the Pagliano of Florence (1852-1873)

The productions of Agostino Lessi were connected more or less exclusively with a theatre well-known at Florence after 1850 and particularly dear to Aldo Palazzeschi. This article presents the first research study on the scenographer, rediscovered on this occasion, with the object of reconstructing his artistic career as well as his biography, a career pursued probably above all in Tuscany – and especially at the Teatro Pagliano of Florence. Lessi, like his older colleague Michele Canzio (active at Teatro Carlo Felice from 1828-1850 circa), has been to date wrongly considered a “minor figure” in the panorama of scenographers who worked astride the eighteenth century. Instead, he was almost certainly an interesting example of “assimilation-transformation” of celebrated models of others with the object of creating original scenographic prototypes linked above all to the mise en scène of Verdi’s operas. Despite the existence of other researches, an additional object of this article is to illustrate more clearly the noteworthy programming of operas and ballets presented at Teatro Pagliano – completed whenever possible with Agostino Lessi’s scenes – during a historical-political and cultural time-frame which embraces an important period of Italian history (from the Lorenas to after the Unity of Italy). Built to the order of Girolamo Pagliano and originally named after him, the much talked-about chemist-entrepreneur and failed singer who had made a fortune with a laxative syrup which bore his name and was also sold abroad, the new Florentine theatre (still in existence today as Teatro Verdi) was inaugurated in 1854 with Verdi’s Viscardello.



Inizio pagina
Marta Crippa

1861: Le sorelle d’Italia. Mistero di Arrigo Boito posto in musica da Arrigo Boito e Franco Faccio. I testimoni dell’opera

Per la solenne Accademia finale del Regio Conservatorio di Milano dell’anno scolastico 1860-1861, Arrigo Boito e Franco Faccio, che quell’anno concludevano gli studi, composero Le Sorelle d’Italia, mistero in due parti con prologo. La composizione, una “cantata celebrativa” per soli, coro e orchestra, celebra l’indipendenza italiana appena ottenuta, ma rivela nel contempo un atteggiamento sovranazionale nel rivolgersi all’Ungheria, alla Polonia e alla Grecia e nell’intento di farsi interprete della loro cultura, dei loro miti, delle loro tradizioni musicali. Queste nazioni sono le “sorelle” che avevano conosciuto o che ancora sopportavano la dominazione dello straniero. L’opera venne immediatamente recepita come una novità rispetto ai tradizionali saggi del Conservatorio, sia per i contenuti poetici – un intreccio di mitologia classica, germanica, slava, greca e di tradizioni cristiane – sia per la musica, di cui fin da subito si parlò in termini di “musica dell’avvenire”.

L’articolo presenta la composizione a partire dal testo poetico e dalla lettura degli articoli comparsi sulla stampa dell’epoca all’indomani dell’esecuzione nell’agosto-settembre 1861; segue l’analisi, la descrizione e il confronto, dal quale sono emerse alcune varianti, dei testimoni musicali manoscritti e a stampa: quattro manoscritti conservati presso la Biblioteca del Conservatorio “G. Verdi” di Milano (I-Mc), di cui uno autografo di Boito; due riduzioni per canto e pianoforte pubblicate da Tito di Giovanni Ricordi nel 1861-2; le parti di soprano, tenore e basso del coro stampate da Francesco Lucca per l’esecuzione dell’Accademia del Conservatorio. Completa la presentazione dei testimoni il libretto della composizione pubblicato da Luigi di Giacomo Pirola nel 1861.

******

1861: Le sorelle d’Italia. Mystery of Arrigo Boito set to music by Arrigo Boito and Franco Faccio. The sources of the work

For the solemn final Academy of the Royal Conservatory of Milan, school year 1860-1861, Arrigo Boito and Franco Faccio – who completed their studies that year – composed Le Sorelle d’Italia, mistero in due parti con prologo. The composition was a «cantata celebrativa» for solo voices, chorus and orchestra commemorating the recently obtained Italian independence but at the same time it manifested a supranational approach in the inclusion of Hungary, Poland and Greece as “sisters” (“sorelle”), three nations which had known – and still suffered – foreign domination and in the announced intention to act as interpreter of their culture, myths, musical traditions. The cantata was at once considered a new departure compared with the traditional essays of the Conservatory, both for its poetic content – an interweaving of classical, Germanic, Slavonic and Greek mythology with Christian traditions – and for the music, which from the start was described as “music of the future”.

The article presents the composition starting from the poetic text and the critiques appearing in the press the day after the performance of August-September 1861; analysis, description and comparison of the musical manuscript and printed sources then follow, with the discovery of several versions of the work: four manuscripts preserved in the Library of the “G. Verdi” Conservatory of Milan (I-Mc), including an autograph of Boito; two arrangements for voice and piano published by Tito di Giovanni Ricordi in 1861-2; the soprano, tenor and bass parts of the chorus printed by Francesco Lucca for the Academy of the Conservatory. The presentation of these sources is completed by the libretto of the cantata published by Luigi di Giacomo Pirola in 1861.



Inizio pagina
Antonella Bartoloni

Una nuova fonte per la ricerca: il portale Permusica

Il portale Permusica (http://www.permusica.eu) raccoglie la pubblicazione on line di due siti web: la Banca Dati della Critica Musicale Italiana (BaDaCriM) e Periodici musicali del Novecento (Permusica). Il primo di essi, finanziato come Progetto di Ricerca di Interesse Nazionale (PRIN) fra 2005 e 2009 - diretto da Fiamma Nicolodi e Luisa Zanoncelli, con la collaborazione di Mila De Santis e il coordinamento di Antonella Bartoloni – ha coinvolto le sedi di Cagliari, Firenze, Napoli, Parma e Torino e ha previsto lo spoglio e la catalogazione dei contributi musicologici contenuti in periodici italiani, sia musicali sia a carattere più ampiamente culturale, dei primi tre quarti circa del secolo XX. Per ogni contributo, il programma di schedatura registra i riferimenti bibliografici e un abstract. Nel saggio si fornisce l’elenco delle riviste musicali, musicologiche ed etnomusicologiche oggetto della catalogazione, e un modello di scheda.

Il secondo progetto, Periodici musicali del Novecento (Permusica), diretto da Fiamma Nicolodi, con la collaborazione di Antonella Bartoloni, è un sistema di digitalizzazione e gestione integrata della documentazione, volto a soddisfare le esigenze di accessibilità e di ricerca relativamente ai testi di critica musicale novecentesca pubblicati sia in riviste specializzate, sia in riviste letterarie di ampio interesse culturale: il sito consente quindi di consultare gli articoli in full-text, nonché di effettuare molteplici ricerche sui testi.

******

A new research source: the Permusica Portal

The Permusica portal (http://www.permusica.eu) provides access to and offers on-line information from two web sites; the Data Bank of Italian Music Criticism (BaDaCriM) and Twentieth-century Music Periodicals (Permusica). The first site, subsidized from 2005 to 2009 as a Research Project of National Interest (PRIN), was arranged by Fiamma Nicolodi and Luisa Zanoncelli with the collaboration of Mila De Santis and the coordination of Antonella Bartoloni, and involved offices at Cagliari, Florence, Naples, Parma and Turin for the selection and cataloguing of musicological contributions contained in Italian periodicals (both musical and more widely cultural) published during the first three-quarters circa of the twentieth century. The filing programme recorded bibliographic references and an abstract for each contribution. The present paper includes a list of the catalogued musical, musicological and ethnomusicological journals together with a model of the index card.

The second site, Twentieth-century Music Periodicals (Permusica), arranged by Fiamma Nicolodi with the collaboration of Antonella Bartoloni, is a system of digitization and integrated management of the documentation which aims at satisfying the access and research requirements connected with the texts of twentieth-century musical criticism published not only in specialized journals, but also in literary journals of wide-ranging cultural interest: the site, in fact, permits consultation of the articles in full-text as well as many-sided research on the texts.



Inizio pagina
Alessandra Rossi Lürig

Il Progetto Bononcini (2008-2011)

Il contributo descrive il progetto coordinato di recupero e divulgazione dell'opera di Giovanni Bononcini (1670-1747), uno dei più noti e affermati compositori della sua epoca. Il progetto, realizzato nel 2008-2011 dalla Fondazione Arcadia in collaborazione con il Ministero per i Beni e le attività culturali - Beni librari, e con Clori: Progetto nazionale di catalogazione della cantata italiana, a cura di Società Italiana di Musicologia, Università di Roma 2-Tor Vergata, Istituto Italiano per la Storia della Musica, comprende un sito web, una serie di pubblicazioni a stampa, una serie di esecuzioni musicali. Il sito, www.bononcini.org, è dedicato soprattutto al catalogo completo delle opere, ma contiene anche bibliografia e discografia, materiale iconografico e pubblicazioni di opere scelte (edizioni musicali, saggi critici) liberamente scaricabili. Nel corso del progetto sono state realizzate tre edizioni critiche di composizioni di Bononcini, edite da LIM, Lucca, nella collana Fondazione Arcadia - Musiche del Settecento: La conversione di Maddalena, a cura di Raffaele Mellace; Cantate a Clori, a cura di Sara Dieci; Cantate con strumenti della Biblioteca del Monumento Nazionale di Montecassino, a cura di Michele Vannelli. Il lavoro di catalogazione e il recupero e l’edizione dei testi musicali ha consentito di eseguire alcune composizioni di Giovanni Bononcini nell’ambito del Festival MITO. Nel saggio sono descritte le caratteristiche delle pubblicazioni a stampa, la struttura della scheda catalografica e i principali risultati ottenuti nella revisione del catalogo bononciniano.

******

The Bononcini Project (2008-2011)

The article describes the coordinated project of recovery and divulgation of the works of Giovanni Bononcini (1670-1747), one of the most well-known and successful composers of his time. The project was realized in 2008-2011 by Fondazione Arcadia (in collaboration with the Ministry of Cultural Heritage and Activities - Beni Librari) and with Clori: Progetto nazionale di catalogazione della cantata italiana (a project of, Istituto Italiano per la Storia della Musica, Società Italiana di Musicologia, Università di Roma 2-Tor Vergata) and included a web site, a series of printed publications and a series of musical performances. The site, www.bononcini.org, is dedicated above all to the complete catalogue of Bononcini’s works but also offers a bibliography and a discography, iconographic material and publications of selected works (musical editions, critical papers) all of which can be downloaded Three critical editions were realized of Bononcini’s compositions during the course of the project, published by LIM of Lucca in the series Fondazione Arcadia – Eighteenth-century Music: La conversione di Maddalena (edited by Raffaele Mellace); Cantate a Clori (edited by Sara Dieci); Cantate con strumenti della Biblioteca del Monumento Nazionale di Montecassino (edited by Michele Vannelli). The cataloguing, recovery and publishing of the musical texts made it possible for some compositions of Giovanni Bononcini to be performed during the MITO Festival. The present paper describes the characteristics of the printed publications, the structure of the catalogue card and the principal results obtained in the revision of the Bononcini catalogue.

 

Società Italiana di Musicologia

Sede legale: c/o Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Largo Luciano Berio 3 - 00196 Roma
codice fiscale: 80098490370

Recapito postale: Casella Postale 318 Ag. Roma Acilia via Saponara 00125 Roma
cell.: 338 1957796
e-mail: segreteria@sidm.it
posta certificata: sidm@pec.it

altri contatti / mappa del sito / cookie policy