Giovanni Battista Viotti
Sei quartetti concertanti per due violini, viola e violoncello op. 3 (WII: 7-12)
a cura di Mariateresa Dellaborra 
Società Editrice di Musicologia (Musica Strumentale, 15)

XXXII, 167 pp.; 4 parti: 59, 53, 44, 45 pp.; 21 x 29 cm
Introduzione e apparato critico in italiano e inglese

L’op. 3 di Giovanni Battista Viotti, pubblicata dall’editore parigino Sieber tra 1782 e 1786 e ristampata da Leduc agli inizi del XIX secolo, offre un significativo contributo alla forma del quatuor concertant. Rispetto all’op. 1 di cui rappresentano l’ideale seconda parte, i sei quartetti che la compongono si arricchiscono di elementi virtuosistici, ponendosi come interessante banco di prova per esecutori professionisti, e privilegiano la struttura in tre movimenti (quartetti 2, 4, 5, 6) anziché in due (1,3). Pur risentendo dell’influsso haydniano, evidente soprattutto nei movimenti iniziali, i quartetti rivelano la cifra distintiva di Viotti, evidente non solo nelle scelte tematiche, ma anche nella condotta armonica e nella solidità dell’impianto formale.

» Vai alla scheda SEdM