Vuoi ricevere le riviste?

Fonti musicali italiane, 22 (2017)

Inserito in Fonti Musicali Italiane

Sommario

  • Agostino Ziino, Un'aggiunta alle “Villanelle” di Gian Domenico MontellaAbstract.
  • Matteo Messori, Anna Katarzyna Zaręba, Nuovi documenti su Vincenzo Albrici (1631-1687) e la sua famigliaAbstract.
  • Teresa M. Gialdroni,Una raccolta di cantate  per la pace: il manoscritto Chigi Q.viii.181 della Biblioteca Apostolica VaticanaAbstract.
  • Cristina Ghirardini, La «naturale acuta sensibilità all’armonia, al numero ed al metro». L’improvvisazione poetica in ottava rima in Italia centrale dal Settecento alla prima metà del NovecentoAbstract.
  • Sergio Barcellona, Da Baffo a Rousseau: la diffusione europea delle canzoni da battelloAbstract.
  • Hildegard Herrmann-Schneider, «Tu mi sprezzi e mi deridi» or «Salve Pater Benedicte»? . On Sources Containing Music by Italian Composers at the Cistercian Abbey in Stams/TyrolAbstract.
  • Danilo Prefumo, Il giovane Niccolò. L'attività concertistica di Paganini negli anni 1800-1801Abstract.
  • Angelica Buompastore, La contessa Francesca Nava d'Adda, dilettante «di raro talento musicale»Abstract.
  • Giancosimo Russo, Gina di Francesco Cilea: la prima versione in due atti e il ritrovato Coro d’IntroduzioneAbstract.
  • Maria Borghesi, I 23 pezzi facili di J.S. Bach nella revisione di Bruno Mugellini: le edizioni, la raccolta, la fortunaAbstract.
  • Alessandro Mastropietro, Evangelisti prima di Evangelisti: gli inediti (1952-57) nel suo archivio personale Abstract.
  • Alessandro Restelli, Strumenti musicali all’Accademia di belle arti ‘Luigi Tadini' di LovereAbstract.
  • Rassegna bibliografica 2016 (con integrazioni per il 2015 e anni precedenti), a cura di Chiara Pelliccia e Leonardo Miucci

Abstract


Inizio pagina

Agostino Ziino

Un'aggiunta alle “Villanelle” di Gian Domenico Montella

Nella Biblioteca Universitaria di Pavia si conservano quattro libri-parte (Tenore) appartenenti ad una seconda edizione dei quattro libri di villanelle a tre e a quattro voci di Gian Domenico Montella sfuggiti finora agli studiosi: i primi due, in unicum, appartengono al Primo e al Secondo libro e sono stati pubblicati a Napoli da Gargano & Nucci nel 1612; degli altri due, relativi al Terzo e Quarto libro, esiste una seconda copia alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze: ma, mentre il Terzo è stampato sempre da Gargano & Nucci nel 1613, l’esemplare del Quarto, invece, è differente da quello conservato a Firenze in quanto, pur essendo pubblicato, come quello di Firenze, da Giacomo Carlino nel 1612, a differenza di quest’ultimo contiene un’interessante dedica a Don Francesco Ruffo duca della Bagnara firmata da Scipione Riccio, nella quale ci informa sulle ragioni che sono alla base di questa seconda edizione affermando tra l’altro che «mi sono acceso di desiderio di ravvivare il quasi spento nome e la buona opinione, che si ha del Montella».   Nell’articolo si cerca di dare una spiegazione plausibile al fatto che in questa seconda edizione i primi tre libri sono stati editi da Gargano & Nucci mentre il Quarto, uscito probabilmente per primo, è stato edito da un altro editore, Carlino, ed è l’unico ad avere una dedica, almeno nell’esemplare in unicum conservato nella Biblioteca Universitaria di Pavia.

******

An addition to Gian Domenico Montella’s Villanelle

The Pavia University Library hosts four tenor partbooks, so far unknown, from the second edition of Gian Domenico Montella’s four books of three- and four- part Villanelle. Two items are unica; they belong to Montella’s First and Second Book, issued by Gargano & Nucci (Naples, 1612). The other two come from Montella’s Third and Fourth Book; a second copy is at the National Central Library, Florence. One was, again, printed by Gargano & Nucci (1613). The other, issued by Giacomo Carlino (1612), differs from the Florence copy because of Scipione Riccio’s interesting dedication to Don Francesco Ruffo, Duke of Bagnara, which informs us on the motives for a second edition and says, “My crave was to revive Montella’s almost extinct name and fame”. This essay tries to explain why the second edition had three books published by Gargano & Nucci and one—probably issued first—by Carlino, the only one with a dedication (at least in the Pavia copy).

 




Inizio pagina

Matteo Messori, Anna Katarzyna Zaręba

Nuovi documenti su Vincenzo Albrici (1631-1687) e la sua famiglia

Il presente studio integra le conoscenze biografiche finora note relative alle vicende dei due più importanti rappresentanti della dinastia degli Albrici, i fratelli Vincenzo e Bartolomeo. Dopo annose dispute circa la data di morte del primo si è finalmente in grado di stabilirla grazie al ritrovamento del suo atto di morte, conservato a Praga (insieme a quello della moglie, la cui identità era pure ignota). Il reperimento degli atti di nascita di tre figli di Vincenzo nati a Düsseldorf e Colonia apre nuovi scenari di indagine sui rapporti degli Albrici con la casata dei Wittelsbach del ramo del Palatinato-Neuburg. Rapporti confermati da due lettere, pubblicate per la prima volta in questa sede, di Bartolomeo scritte da Londra a Flavio Orsini, duca di Bracciano, e a sua moglie Marie Anne de la Trémoille, il cui fine è una richiesta d’intercessione volta ad ottenere un incarico presso gli stessi Wittelsbach. Oltre alle diverse novità biografiche viene presentata in questo saggio l’identificazione di una serie di versetti organistici di Vincenzo, finora passati inosservati. L’articolo fornisce inoltre informazioni intorno alla circolazione a Roma delle musiche di Bartolomeo.

******

New documents on Vincenzo Albrici (1631-1687) and his family

This study integrates the existing biographical info on the main members of the Albrici musical dynasty, the two brothers, Vincenzo and Bartolomeo. After endless debate on the former’s death date, his certificate has been found in Prague—together with his wife’s, whose name was so far unknown. The birth records of three of Vincenzo’s sons, born in Düsseldorf and Cologne, opens up new research paths on the Albricis’ relationship with the Palatinate-Neuburg branch of the Wittelsbachs. This is confirmed by two letters, published here for the first time. Bartolomeo wrote from London to Flavio Orsini, Duke of Bracciano, and his wife, Marie Anne de la Trémoille, asking them to intercede for a position at the Wittelsbachs’. Also, a collection of organ verses, so far unknown, is identified as by Vincenzo, and information is provided on the spread of Bartolomeo’s music in Rome.

 




Inizio pagina

Teresa M. Gialdroni

Una raccolta di cantate  per la pace: il manoscritto Chigi Q.viii.181 della Biblioteca Apostolica Vaticana

Il saggio propone una lettura analitica del manoscritto Q.viii.181 del Fondo Chigi della Biblioteca Apostolica Vaticana contenente undici pezzi di Marco Marazzoli apparentemente assemblati senza un criterio preciso, ma  molto probabilmente raccolti seguendo un impercettibile filo conduttore, il concetto di Pace a partire da un pezzo che però è esplicitamente dedicato alla Pace dei Pirenei del 1659. Tale lettura permette di ricondurre a un unico comun denominatore diverse composizioni individuando un nesso fra il concetto di pace, la figura del papa Alessandro VII, cui alcune di queste composizioni sono dedicate, e la villa papale di Castel Gandolfo, eletto a luogo simbolo della ritrovata pace. Il saggio è corredato dalla trascrizione dei testi poetici su cui tali pezzi sono stati composti.

******

A compilation of cantatas about peace: ms. Chigi Q.viii.181, Biblioteca Apostolica Vaticana

This essay discusses a ms. hosting eleven pieces by Marco Marazzoli. Although apparently assembled with no rationale, they seem to share a link—peace. One is about the Peace of the Pyrenees (1659). It is suggested here that all compositions be associated to Pope Alexander vii Chigi (the dedicatee of a few) and the papal villa at Castel Gandolfo, identified as a symbol of the newly found peace. Transcription of all texts is included.

 




Inizio pagina

Cristina Ghirardini

La «naturale acuta sensibilità all’armonia, al numero ed al metro». L’improvvisazione poetica in ottava rima in Italia centrale dal Settecento alla prima metà del Novecento

Il presente contributo passa in rassegna una selezione di fonti storiche, relative all’improvvisazione poetica in ottava rima, collocabili tra il Settecento e la prima metà del Novecento. È in questi due secoli infatti che si definiscono alcuni degli elementi che caratterizzano il contrasto poetico cantato in ottava rima, tuttora praticato in alcune regioni dell’Italia centrale. Attraverso resoconti di viaggio, scritti di letterati, raccolte musicali e articoli di periodici, l’autrice prende in esame gli ambienti in cui viene praticato il contrasto poetico, il consolidarsi dell’obbligo di rima e le arie da cantare ottave e inoltre riflette sull’accompagnamento strumentale, che caratterizza le esibizioni poetiche sette- e ottocentesche, ma che risulta totalmente assente quando l’improvvisazione poetica in ottava rima diventa oggetto di interesse dei pionieri dell’etnomusicologia italiana nella prima metà del Novecento. Il periodo preso in considerazione consente inoltre di mettere in relazione le esibizioni di celeberrimi improvvisatori, in accademie e teatri, con la poesia estemporanea praticata nelle strade e nelle osterie e con la consuetudine a cantare le ottave dei poemi cavallereschi.

******

A “naturally sharp sensitivity to harmony, number, and meter”. Ottava rima improvised poetry in Central Italy, 18th to early 20th century

This paper reviews historical documents attesting the emergence of some typical traits of the contrasto genre, as it is still practiced in some Central Italy areas. By combing travel reports, literary men’s writings, music collections, and magazine articles, the author discusses the whereabouts of such genre, the stabilization of its rhyme rules, and the melodies in use, along with the instrumental backgrounds, still common in 18th- and 19th-century performances, but no longer present when ottava rima came under the scrutiny of pioneer Italian ethnomusicologists, by early 20th century. This also allows to relate academy and theater performances from famous improvisers to extemporized poetry from streets and taverns, as well as to the usage of singing chivalry epic stanzas in ottava rima.

 




Inizio pagina

Sergio Barcellona

Da Baffo a Rousseau: la diffusione europea delle canzoni da battello

In questo articolo vengono presentati i primi risultati che emergono da un’indagine, tuttora in corso, sulla genesi e la diffusione della canzone da battello durante il primo Settecento, a partire dall’analisi del contenuto di una dozzina di antologie (in massima parte non ancora studiate), conservate in biblioteche europee, che integrano il corpus delle fonti già conosciute. La ricerca ha permesso, tra l’altro, l’identificazione degli autori delle musiche o dei testi poetici di circa il dieci per cento delle canzoni che ci sono giunte. Queste attribuzioni, assieme ad alcuni elementi paratestuali (intestazioni, indicazioni sui possessori o destinatari delle antologie manoscritte), quasi del tutto assenti nelle antologie di canzoni conservate a Venezia, invitano a riconsiderare la portata assunta dall’aristocrazia (veneziana ed europea) tanto nella domanda come nei processi produttivi e nella diffusione europea di questo repertorio locale.

******

Baffo to Rousseau: The pan-European spread of canzoni da battello

This essay shows the first fruits of an ongoing research on the origin and spread of boat songs by early 18th century. It discusses a dozen compilations, mostly untapped sources, located in several European libraries, and integrating known sources. Composers and lyricists for ca. 10% of songs could be identified. This, together with the study of paratext (headings, evidence on owners or recipients of those ms.), largely absent from Venice anthologies, leads to reconsider the role of Venetian and European aristocrats in the demand, production, and European spread of this local repertoire.

 




Inizio pagina

Hildegard Herrmann-Schneider

“Tu mi sprezzi e mi deridi“ o “Salve Pater Benedicte”? Sulle fonti contenenti musica di compositori italiani conservate nell'Abbazia cistercense di Stams in Tirolo

“Salve Pater Benedicte”: un offertorio del tardo Settecento per contralto e orchestra su questo testo non si deve considerare straordinario in un monastero cistercense. Non è quindi insolito che un brano musicale in una chiesa cattolico-romana in Austria consista non di una composizione originale, ma sia un arrangiamento di un'aria d'opera; in questo caso, l'aria di Zelmira “Tu mi sprezzi e mi deridi” sall'opera Il Rinaldo di Antonio Tozzi. Questo “Offertorium” può certamente servire come esempio rappresentativo per la prassi musicale sacra a Stams intorno al 1800. Ciò è documentato dal fatto che la copia fu acquistata per l'abbazia dal cistercense padre Stefan Paluselli (1748 Kurtatsch/Sud Tirolo – 1805 Stams). Paluselli fu direttore del coro a Stams dal 1790 ca. e conservò la partitura nella sua collezione musicale. Conosceva l'opera originale?Era chiaro a lui e ai suoi colleghi all'abbazia di Stams Abbey che questa musica - ora in onore del grande santo – aveva originariamento descritto un dramma interpersonale ripugnante sulla scena teatrale? Dove trovò Paluselli i numerosi manoscritti musicali, acquisiti durante il suo servizio a Stams, contenenti perlopiù opere di compositori italiani? Quali opere scelse? Quali specifiche caratteristiche troviamo oggi in queste fonti? L'abbazia di Stams, fondata nel 1273, occupa una posizione eminente fra i monasteri ritolesi, sia dal punto di vista sociopolitico, sia da quello culturale. Per l'opac del RISM l'autrice del saggio ha catalogato a oggi 7.500 pezzi musicali da Stams, che sono accessibili a tutti (www.rism.info, library identifier: A-ST). In questo saggio viene presentata per la prima volta una panoramica della sezione dell'archivio musicale di Stams che contiene musica di compositori italiani. Vengono esaminate le opere e i generi presenti sia nella forma originale sia in arrangiamenti, e il loro uso in esecuzioni liturigiche o profane all'Abbazia nella seconda metà del Settecento.

******

Tu mi sprezzi e mi deridi or Salve Pater Benedicte? On Sources Containing Music by Italian Composers at the Cistercian Abbey in Stams/Tyrol

Salve Pater Benedicte: a late 18th-century offertory for alto solo and orchestra on this text would not be considered extraordinary at a Cistercian monastery. It would also not be unusual then for a piece of music at a Roman-Catholic Church in Austria to consist not of an original composition, but rather to be an arrangement of an opera aria; in this case, Zelmira’s aria Tu mi sprezzi e mi deridi from the opera, Il Rinaldo, by Antonio Tozzi. This offertorium surely serves as a representative example for the sacred musical practice at Stams in about 1800. This is supported by the fact that the vocal copy was acquired for the abbey by the Cistercian Father Stefan Paluselli (1748 Kurtatsch/South Tyrol – 1805 Stams). He served as choir director at Stams from about 1790 and preserved the score in his musical collection. Did he know the original work? Was it apparent to him and his colleagues at Stams Abbey that this music—now honoring the great saint—had originally depicted repugnant interpersonal drama on the theatrical stage? Where did Paluselli find the numerous musical manuscripts, acquired during his time of office at Stams, containing mostly works by Italian composers? What works did he choose? What unique features do we find today in these source materials? Stams Abbey, founded in 1273, occupies an outstanding position among Tyrolean monasteries, both from a sociopolitical as well as a cultural standpoint. For rism-opac the author has currently indexed 7,500 musical items from Stams, which are generally accessible (www.rism.info, library identifier: A-ST). In this paper will be presented for the first time an overview of that section of the music archive at Stams involving music by Italian composers. There will be discussed those works and genres that are present in their original form or in arrangements, their use in liturgical and secular musical performances at the Abbey in the second half of the 18th century.

 




Inizio pagina

Danilo Prefumo

Il giovane Niccolò. L'attività concertistica di Paganini negli anni 1800-1801

L’inattesa scoperta, presso il liutaio Lorenzo Frignani di Modena, della locandina di un concerto tenuto da Niccolò Paganini il 3 ottobre 1800, getta nuova luce sull’attività concertistica del violinista genovese negli anni della sua giovinezza, nel periodo turbolento e poco documentato segnato dalle guerre napoleoniche. Partendo da questo documento, l’articolo ricostruisce le tappe principali di tale attività, trovando riscontri puntuali nell’Autobiografia che il violinista pubblicò sulla «Allgmemeine Musikalische Zeitung» nel 1830.

******

Young Niccolò. Paganini’s concertizing by 1800-1801

The poster of a concert Niccolò Paganini held on October 3, 1800 was unexpectedly discovered at Lorenzo Frignani’s, a Modena luthier. It sheds new light on young Paganini’s concertizing during the Napoleonic wars, a hectic and poorly documented period. This essay reconstructs the main events in Paganini’s early activity, regularly confirmed in his 1830 Autobiography, originally issued in the Allgemeine musikalische Zeitung.

 




Inizio pagina

Angela Buompastore

La contessa Francesca Nava d'Adda, dilettante «di raro talento musicale»

Il presente saggio attraverso materiali e ricerche d'archivio traccia un ritratto biografico di una delle nobili musiciste più conosciute dell'Ottocento milanese. La contessa Francesca Nava d'Adda (1794-1877), moglie del famoso architetto Luigi Cagnola prima e del suo discepolo Ambrogio Nava poi, si contraddistinse sin da giovane come pianista e, più avanti negli anni, come compositrice. Dei suoi anni di studio rimane tanta musica per pianoforte e molti appunti e frammenti di esercizi di composizione (la sua preparazione fu guidata da docenti del Conservatorio milanese). Il Fondo musicale che li raccoglie, depositato all'Archivio di Stato di Varallo Sesia, ci regala, inoltre, esempi di ciò che più le piaceva suonare e delle musiche, trascritte per pianoforte, che riscuotevano più successo in quei decenni tra coloro che vivevano la Milano musicale. Della sua abilità pianistica ci rimangono testimonianze dell'epoca (quelle di Francesco Regli e Raffaello Barbiera sono notevoli per le considerazioni sulle sue composizioni) e alcune dediche di composizioni da parte di musicisti noti mentre a testimoniarne l'entusiasmo e la creatività musicale abbiamo un intero catalogo di composizioni (qui riordinato e descritto) in cui il gusto per l'esplorazione e la fantasia sono le cifre stilistiche dominanti.

******

Countess Francesca Nava d'Adda, an “unusually talented” amateur

Drawing from archival research, this essay puts together a biographical portrait of Countess Francesca Nava d'Adda (1794-1877), a most popular woman musician in 19th-century Milan. The wife of famous architect, Luigi Cagnola, and then of her student, Ambrogio Nava, she was a distinguished pianist from an early age and, in later years, a composer of note. Many piano pieces, sketches, and snippets of composition exercises survive, dating from her training years under Milan Conservatory teachers. Her papers, at the Varallo Sesia State Archive, also host music she loved to play and piano arrangements of music then popular in Milan. Descriptions exist of her piano skills (Francesco Regli’s and Raffaello Barbiera’s are especially noteworthy for their remarks on her compositions), as well as pieces that known composers dedicated to her. A huge catalog of her compositions, here reordered and discussed, is witness to her enthusiasm and musical creativity, in which a taste for exploration appears to be the main stylistic trait.

 




Inizio pagina

Giancosimo Russo

Gina di Francesco Cilea: la prima versione in due atti e il ritrovato Coro d’Introduzione

Il 9 febbraio 1889 Francesco Cilea fece il suo debutto operistico con l’opera Gina, melodramma idillico di gusto larmoyant su libretto di Ettore Golisciani, andata in scena nel Teatrino del Real Collegio di Musica di S. Pietro a Majella di Napoli. Dopo la sua première l’opera è rimasta ineseguita fino al 2000, anno in cui è stata riproposta dal Teatro Rendano di Cosenza. La successiva ripresa al Brancaccio di Roma, l’edizione a stampa da parte della Casa Musicale Sonzogno, l’incisione discografica per Bongiovanni, ed infine l’allestimento nel 2017 da parte del Teatro La Fenice di Venezia al Teatro Malibran, ne hanno sancito la riscoperta. L’edizione di Sonzogno, con revisione critica di Giacomo Zani, tiene conto di due diverse fonti manoscritte; nel presente contributo viene portata all’attenzione una terza fonte rinvenuta nella Biblioteca del Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli: si tratta delle parti d’orchestra che servirono per la prima rappresentazione del 1889. Lo studio affronta generalmente la struttura dell’opera nel suo insieme, facendo affiorare l’originaria configurazione in due atti, per poi concentrarsi analiticamente sul ritrovato Coro d’Introduzione, assente nelle altre due fonti e quindi anche nell’edizione Sonzogno, mettendo in luce, fra gli altri aspetti, alcune affinità con la coeva Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni.

******

Francesco Cilea’s Gina, its two-act original version, and its rediscovered opening choir

On February 9th, 1889, Francesco Cilea had his operatic debut with Gina, an tear-jerking idyll, on a libretto by Ettore Golisciani, at the Teatrino del Real Collegio di Musica di San Pietro a Majella, Naples. It was not to be staged again until 2000, at the Teatro Rendano, Cosenza. Another appearance at the Teatro Brancaccio, Rome, a printed edition by Sonzogno, a recording for the Bongiovanni label, and finally its 2017 production by the Teatro La Fenice, Venice, at the Teatro Malibran, marked its complete rediscovery. The Sonzogno issue, edited by Giacomo Zani, is based on two ms. sources. This essay draws attention on a third one, located at the Naples Conservatory Library (the orchestra parts from the 1889 première), and deals with the overall structure of the opera, originally conceived in two acts. It also discusses the newly discovered opening choir, which is missing in the other sources—hence in the Sonzogno edition as well. Its similarities with Pietro Mascagni’s contemporary Cavalleria rusticana are also highlighted.

 




Inizio pagina

Maria Borghesi

I 23 pezzi facili di J.S. Bach nella revisione di Bruno Mugellini: le edizioni, la raccolta, la fortuna

Concentrandosi sull’esame di una delle edizioni musicali più commercializzate in Italia, i 23 Pezzi facili di J. S. Bach raccolti da Bruno Mugellini e pubblicati per la prima volta da Ricordi nel 1897, lo studio procede su tre direttrici parallele. Da una parte, impiegando strumenti propri alla bibliografia testuale, si ricostruisce la storia editoriale della revisione di Mugellini, evidenziando in che modo la casa editrice milanese abbia adeguato progressivamente il prodotto a nuove istanze di carattere tecnico, culturale, musicale e commerciale. Parallelamente, si fa luce sul lavoro di selezione, raccolta e revisione svolto da Mugellini, individuandone le edizioni di riferimento. Infine, dopo aver chiarito il ruolo dei 23 Pezzi facili nel più ampio programma didattico del pianista bolognese, si guarda alla fortuna di successive raccolte bachiane pubblicate in Italia sul modello del lavoro di Mugellini.

******

J.S. Bach’s Twenty-Three Easy Pieces edited by Bruno Mugellini: their editions, collection, fortune

One of Italy’s most widely sold music editions, the Twenty-Three Easy Pieces by J. S. Bach edited  by Bruno Mugellini, was originally issued by Ricordi in 1897. Here, its editorial history is reconstructed, by means of textual bibliography tools, thus showing how Ricordi gradually adapted it to new technical, cultural, musical, and commercial demands. Mugellini’s choices and editorial work are highlighted, his reference sources identified, as it is the role of such collection in his teaching method. Finally, the fortune of later Italian Bach collections, shaped after Mugellini's, is discussed.

 




Inizio pagina

Alessandro Mastropietro

Evangelisti prima di Evangelisti: gli inediti (1952-57) nel suo archivio personale

Della produzione compositiva di Franco Evangelisti (Roma, 1926-1980) è ad oggi nota, eseguita e analizzata solo quella nata dalla metà degli anni  '50 fino all’inizio del decennio successivo, con l’appendice di Campi integrati n. 2 (1979). Le ricerche svolte presso l’Archivio privato del compositore – in trasferimento presso la Fondazione I. Scelsi – hanno messo in luce un consistente corpus di inediti collocabili in un periodo di formazione (1952-57), ma non necessariamente di apprendistato: gli ultimi lavori del gruppo si sovrappongono a quelli ‘pubblicati’ dall’autore, trasferendovi in alcuni casi materiali, tecniche combinatorie, e perfino importandovi sostanza musicale già matura, sebbene non terminata. Il corpus, in parte segnalato ma finora mai studiato, presenta ulteriori motivi d’interesse: un percorso formativo che, partito da coordinate abituali alla scuola compositiva italiana del secondo dopoguerra, le si rivela insofferente (esso si proseguirà infatti in Germania); soprattutto, un sempre più chiaro orientarsi fuori della concezione musicale discorsiva, in favore di una fenomenologia pura del suono (con una parallela, crescente idiosincrasia per la voce intonante un testo poetico). Questo insieme, senza mutare radicalmente l’immagine della personalità compositiva dell’autore, risulta quindi determinante nel riconsiderare i modi e i caratteri dell’apparire di Evangelisti nell’orizzonte musicale post-bellico, e il suo approdo non-accademico alla neoavanguardia seriale. Del corpus, si fornisce un’ampia descrizione analitica sia delle fonti, sia delle peculiarità musicali, accanto a una disamina complessiva del suo status e di alcune problematiche filologiche o compositive a tale status collegate.

******

Evangelisti before Evangelisti: unissued works (1952-57) in his archive

Today, Franco Evangelisti (Rome, 1926-1980) is known, and his music is performed and studied, only from the mid-1950s to the early 1960s, plus a lone addition—Campi integrati, No. 2 (1979). His papers, that are currently being transferred to the Isabella Scelsi Foundation, reveal a substantial body of unissued works, dating back to 1952-57—a formative, but not immature, period. Its final works overlap with those Evangelisti “published”, with occasional borrowing of musical material, combinatorial techniques, and even ripe, although unrefined, musical substance. This corpus had been so far partly described, but never studied, and looks interesting for many a reason. Evangelisti’s development started from the common musical reference points of the Italian post-war generation, then he grew intolerant to them and chose to continue his studies in Germany. In particular, he increasingly abandoned a discursive musical approach to favor pure sound phenomenology, while cultivating a growing idiosyncrasy for the voice delivering a poetical text. These papers do not radically alter such image of Evangelisti’s personality, but prompt us to reconsider his appearance on the musical scene and his non-academic way to join avant-garde serialism. An extensive analytical description of those sources and their peculiar musical traits is offered, together with a general discussion of their conditions and of related philological or compositional problems.

 




Inizio pagina

Alessandro Restelli

Strumenti musicali all’Accademia di belle arti ‘Luigi Tadini di Lovere

Nel 1829 nasce a Lovere (BG) l'Istituto di Belle Arti ‘Tadini', comprendente una scuola di disegno, una scuola di musica e una galleria d'arte pubblica. Le scuole e lo spazio museale sono tuttora parte integrante e attiva dell'Accademia di Belle Arti ‘Luigi Tadini' – denominazione attuale della medesima istituzione. Il patrimonio conservato è particolarmente ricco. Annovera dipinti e sculture dal XIV al XIX secolo, porcellane di grandi manifatture europee, quali Napoli e Sevres, disegni, incisioni, reperti archeologici, minerali, fossili e animali imbalsamati. Il patrimonio librario include oltre 4.500 volumi. L'Accademia Tadini possiede anche un corpus piuttosto consistente di strumenti musicali, formatosi per soddisfare le esigenze dell'Istituto in merito alla didattica della musica e all'esecuzione dei concerti ospitati. Gli esemplari Tadini appartengono principalmente ai secoli XIX e XX, tra cui un pianoforte viennese Heitzmann dell’ultimo quarto dell’Ottocento, con un limitato nucleo di opere settecentesche, quale un contrabbasso attributo ai liutai Landolfi di Milano. Tuttavia, risultando assente dai principali censimenti nazionali e internazionali dedicati ai musei e alle collezioni di settore, nonché dalla letteratura organologica più generale, questa raccolta è ancora oggi ben poco nota e ancor meno studiata.

******

Musical instruments at the Accademia di belle arti “Luigi Tadini”, Lovere

The Tadini Institute of Fine Arts was founded in Lovere, Bergamo province, in 1829; it included an art school, a music school, and a public art gallery. The schools and the museum are still an integral and active part of the Luigi Tadini Academy of Fine Arts (its current name). Its holdings are quite rich. These include 14th- to 19th-century paintings and sculptures, porcelains from major European manufacturers such as Naples and Sèvres, plus drawings, engravings, archaeological finds, minerals, fossils, and stuffed animals. The book collection includes over 4,500 items. The Academy also owns a substantial corpus of musical instruments, originally gathered to meet the needs of the Institute regarding music teaching and the concerts it used to host. Such instruments mainly date from the 19th and 20th century and includie a late 19th-century Heitzmann Viennese piano, plus a few 18th-century pieces, such as a double bass attributed to the Landolfi family, Milan. This collection is still little known and studied, due to its absence from the main national and international lists of music collections, as well as from organology publications.

 

 

Fonti musicali italiane, 21 (2016)

Inserito in Fonti Musicali Italiane

Sommario

  • Alberto Magnolfi, Il sacro inedito: tre mottetti di Marco da Gagliano (1582-1643). Abstract.
  • Nadia Amendola, «Le parole sono del S.r Benigni e sono assai gratiose»: Domenico Benigni poeta per musica vocale da camera. Abstract.
  • Ivano Bettin, Francesco Maria Benedetti. Catalogo tematico delle opere. Abstract.
  • Leonardo Miucci, Francesco Pollini (1762-1846). Aggiornamenti biografici e nuovi documenti. Abstract.
  • Pinuccia Carrer, Un repertorio di compositrici nell’editoria italiana del XIX secolo. Abstract.
  • Rassegna bibliografica 2015, a c. di Chiara Pelliccia, Leonardo Miucci, Giacomo Sciommeri

Abstract


Inizio pagina

Alberto Magnolfi

Il sacro inedito: tre mottetti di Marco da Gagliano

Il saggio analizza in primo luogo il manoscritto Basevi CF.96 (già I-Fc E.I.117), antologia di 65 composizioni vocali sacre scritte per soddisfare le esigenze cerimoniali di alcune delle principali festività dell'anno liturgico. Accanto a lavori di celebri autori di scuola romana e veneziana, si trovano infatti opere di vari musici practici, maestri di cappella e organisti succedutisi nel tempo, probabilmente redatte per qualche ricorrenza o in funzione di un particolare organico di cantores e incluse nella silloge in previsione di un possibile nuovo utilizzo.

Passa in seguito a descrivere tre inediti mottetti di Marco da Gagliano, i primi della raccolta di un autore fiorentino, celebre madrigalista, mottettista, oltre che protagonista non minore degli inizi del melodramma con una sua Dafne (Mantova 1608). Tali mottetti – Gabriel angelus apparuit, Lumen ad revelationem, Tuam crucem adoramus – vengono quindi proposti in trascrizione moderna.

******

Unissued Sacred Music. Three Motets by Marco da Gagliano

This essay begins with a discussion of the Basevi manuscript, CF.96 (formerly I-Fc E.I.117), an anthology hosting sixty-five sacred vocal pieces intended for major liturgical celebrations. Works by renowned Roman and Venetian school composers are found alongside others by several musici practici, that is, chapel masters and organists from different generations. The latter pieces were probably written for specific festive days or personnels, and were included in the volume in view of a likely second use. A study follows of three unissued motets by Marco da Gagliano, the first Florentine musician in this compilation, well known for his madrigals and motets, and a major opera pioneer with his Dafne (Mantua, 1608). All three works — Gabriel angelus apparuit, Lumen ad revelationem, Tuam crucem adoramus — are offered here in modern notation.

 




Inizio pagina

Nadia Amendola

«Le parole sono del S.r Benigni e sono assai gratiose»: Domenico Benigni poeta per musica vocale da camera

Domenico Benigni (1596-1653) fu autore dei testi poetici di numerose cantate e canzonette profane e morali. Di origini marchigiane, fu membro di prestigiose accademie italiane, nonché attivo a Roma come segretario al servizio dei Peretti e dei Pamphilj e come cameriere segreto di papa Innocenzo X. I suoi versi, concepiti prevalentemente per l’ambiente musicale romano, furono pubblicati postumi dal nipote Francesco in una raccolta di Poesie dedicata a Giovanni Battista Pamphilj (Roma, 1667) e furono posti in musica dai più noti compositori coevi, come Giacomo Carissimi, Luigi Rossi, Mario Savioni, Marco Marazzoli e Marc’Antonio Pasqualini, riscuotendo un discreto interesse anche nei decenni dopo la morte del poeta. Oltre a fornire un quadro bio-bibliografico della figura di Benigni arricchito da nuovi dati desunti da fonti finora sconosciute, il contributo propone la ricostruzione della sua produzione poetica per musica attraverso un incipitario delle cantate e delle canzonette, corredato delle concordanze musicali delle molteplici intonazioni pervenute.

******

«Lyrics Are by Signor Benigni and Are Very Pretty». Domenico Benigni, Chamber Music Poet

Domenico Benigni (1596-1653) penned lyrics for secular and moral canzonettas, as well as for cantatas. Born in Marche, a Central Italy region, he was a member of distinguished Italian academies. While in Rome, he was the Peretti and Pamphilj families’ assistant, as well as papal chamberlain under Innocent X. His poems, usually conceived for the Roman music world, ended up being posthumously issued (Rome, 1667) by his nephew, Francesco, in a collection dedicated to Giovanni Battista Pamphilj. They were set to music by such noted composers as Giacomo Carissimi, Luigi Rossi, Mario Savioni, Marco Marazzoli, and Marc’Antonio Pasqualini, and still met with some interest several decades after the author’s death. This essay contains a sketch of Benigni’s life and bibliography, enhanced by data drawn from previously unknown sources, and a suggested reconstruction of his catalog via an index of incipits from his cantatas and canzonettas, with concordances of the surviving multiple music settings.

 




Inizio pagina

Ivano Bettin

Francesco Maria Benedetti. Catalogo tematico delle opere

Nato ad Assisi nel dicembre 1683, il minore conventuale Francesco Maria Benedetti fu maestro di cappella in diverse chiese del centro e del nord Italia. Dapprima organista nella basilica di San Francesco ad Assisi e nella chiesa di Città di Castello (1704), nel 1706 venne eletto maestro di cappella nel convento di San Francesco di Torino. Nel 1711 si spostò ad Assisi dove ricoprì la medesima carica fino al 1716 quando fu richiamato a Torino. Dopo essere stato magister musices nella cattedrale di Aosta dal 1721 al 1727, passò il resto della sua vita ad Assisi dove morì nel luglio 1749.

Autore particolarmente prolifico, Benedetti ci ha lasciato soprattutto musica sacra, ma anche numerose cantate, un oratorio, brani strumentali e un’opera teorica. La maggioranza delle sue opere sono oggi conservate nei fondi musicali del Capitolo di Aosta e in quello del Sacro Convento di Assisi. Il catalogo tematico è organizzato in base al genere e - nella musica sacra - in base alla destinazione liturgica.

******

Francesco Maria Benedetti. A Thematic Catalog of His Works

Francesco Maria Benedetti was a Minor Conventual friar. Born in Assisi by December 1683, he was chapel master at various churches in Central and Northern Italy and organist at the St. Francis Basilica, Assisi and at the Città di Castello church (1704). He was elected chapel master at the St. Francis convent, Turin, in 1706, and by 1711 moved again to Assisi, holding the same position till 1716, when he was called back to Turin. He was then magister musices at the Aosta Cathedral from 1721 to 1727 and spent the rest of his life in Assisi, where he died in July 1749. A very prolific composer, Benedetti mainly left sacred music, but also many cantatas, an oratorio, instrumental pieces, and a music theory book. Most of his works sit now in two music collections, at the Aosta Chapter and at the Assisi Sacred Convent. Our thematic catalog is organized by genre and — for sacred music — by liturgical destination.

 




Inizio pagina

Leonardo Miucci

Francesco Pollini (1762-1846): aggiornamenti biografici e nuovi documenti

Francesco Pollini è stata la figura centrale del pianismo italiano di primo Ottocento. Questo contributo intende portare all’attenzione nuove fonti che hanno delineato con maggiore precisione alcuni contorni della vita e dell’attività del compositore: documenti relativi ai suoi spostamenti in Europa, ai suoi matrimoni, alle varie fasi della sua formazione, alla sua attività di pianista e di compositore. La scoperta, in particolare, di alcune sue lettere indirizzate a Franz Sales Kandler (custodite presso la Österreichische Nationalbibliothek di Vienna) ha rivelato un’interessante attività musicale portata avanti a Milano dal contemporaneo operato di personaggi appartenenti alle più diverse sfere sociali, e tra cui l’apporto di Pollini emerge con sostanziale importanza (fra questi Karl Mozart, il Conte Cesare di Castelbarco, la famiglia Belgiojoso, e così via). Le lettere documentano l'attività dei salotti di Milano, impegnati anche in esecuzioni di musica corale sacra. Considerata la sua formazione viennese, l’importanza di Pollini, oltre che come centrale punto di riferimento nel panorama musicale milanese di primo Ottocento, si manifesta anche come ponte ideale tra la cultura di area austro-tedesca, dominante nel mondo tastieristico di quegli anni, ed una Milano che ne subiva fortemente l’influenza.

******

Francesco Pollini (1762-1846): Biographical Update and New Documents

Francesco Pollini was a key figure in early 19th-century Italian piano music. This essay draws attention on new sources that help focusing some aspects of his life and work—his travels through Europe, his marriages, the multiple steps of his instruction, his activity as a pianist and a composer. In particular, some recently found letters to Franz Sales Kandler (now at the Austrian National Library, Vienna) revealed the fascinating musical activity carried out in Milan with the help of people from sundry social milieus (Karl Mozart, Count Cesare Castelbarco, the Belgiojoso family, etc.), with Pollini’s contribution standing tall. Those letters also attest how people in Milan parlors were busy performing sacred choral music. Given Pollini’s Viennese training, he was a major reference figure in early 19th-century Milan music scene for bridging the Austro-German culture, then dominant in keyboard music, and the Milanese one, so deeply influenced by the former.

 




Inizio pagina

Pinuccia Carrer

Un repertorio di compositrici nell'editoria italiana del XIX secolo

L’idea di costruire un repertorio di nomi di compositrici nell’Italia ottocentesca è nata come ampliamento di una precedente ricerca, dedicata alle Presenze femminili nel Fondo Noseda della Biblioteca del Conservatorio G. Verdi di Milano; si trattava allora di individuare nella globalità di un fondo, quei documenti contenenti almeno un nome di donna. L’elenco dei nomi proposto in questo repertorio nasce invece da un diverso presupposto: indagare sistematicamente solo un tipo di presenza femminile, quella legata alla composizione, in un solo luogo, l’Italia, e in un solo secolo, il XIX. Dal Dizionario degli editori musicali italiani 1750-1930, a cura di Bianca Maria Antolini (Pisa, ETS, 2000) è stato possibile estrarre una lista di quelli attivi nell’Ottocento. La ricerca nel catalogo del Servizio Bibliotecario Nazionale ha segnalato quali nomi di donne fossero presenti relativamente a quegli editori: seppur non esaustivo dell’immenso patrimonio presente nelle biblioteche o negli archivi nazionali, SBN offre una significativa percentuale delle fonti disponibili per quanto riguarda l’editoria musicale italiana. La lista comprende 120 editori e mostra l’importanza delle compositrici nella musica vocale da camera, nella strutturazione del “pezzo caratteristico”, nelle fantasie e nella parafrasi, nel teatro d’opera e in quelle forme segnate sin dal titolo da impegno sociale e patriottico. A completamento, qualche nome legato ai testi per musica.

******

A Catalog of Woman Composers in 19th-Century Italian Printed Music

The project of a list of published woman composers in 19th-century Italy arose as an extension of an earlier research called Female presence in the Noseda Collection at the G. Verdi Conservatory Library, Milan. In that case, the task was to parse an entire collection and identify documents bearing at least one female name. The list published here was born out of a different goal, that is, systematically exploring only one female role (composer) in one country (Italy) and one time (the 19th century). A list of publishers was drawn from the Dictionary of Italian Music Publishers 1750-1930, edited by Bianca Maria Antolini (Pisa: ETS, 2000). A search in the National Library Service (SBN) catalog returned the names of woman composers associated to those publishers. Although hardly exhaustive of the immense musical heritage hosted in Italian libraries and archives, SBN yielded a fair share of the available sources. This list includes 120 publishers and shows the importance of woman composers in such fields as vocal chamber music, the shaping of the “characteristic piece”, fantasias and paraphrases, opera, and pieces bearing the stamp of social and patriotic commitment. A few names associated to lyrics round up the work.

 



Fonti musicali italiane, 20 (2015)

Inserito in Fonti Musicali Italiane

Sommario

  • Licia Mari, Il Progetto Herla. Un database al servizio della ricerca. Abstract.
  • Maria Rosa Moretti, Simone Molinaro e la vita musicale a Genova tra Cinque e Seicento. Abstract.
  • Chiara Pelliccia, La libraria musicale del cardinale Benedetto Pamphilj. Un inventario ritrovato. Abstract.
  • Francesca Menchelli Buttini, Teatro di San Carlo, 1747-1753. Supplemento d’indagine sulla gestione impresariale. Abstract.
  • Mattia Geretto, Una nuova sonata di Baldassare Galuppi presso l’Archivio Musicale della Cappella Antoniana di Padova. Abstract.
  • Francesco Cesari, ArtMus – Una banca dati degli articoli di argomento musicale pubblicati nei giornali italiani dell’Ottocento. Abstract.
  • Federica Camata, Cantanti-divi tra leggenda e quotidianità. Uno sguardo al fenomeno del divismo nel primo Ottocento attraverso le pagine della «Gazzetta Privilegiata di Venezia». Abstract.
  • Patrizia Balestra, Nuove fonti manoscritte di Mascagni: romanze e altre pagine musicali. Abstract.
  • Francesco Bissoli, Il giovane Alfano nel Nord-Europa. Abstract.
  • Mariagrazia Carlone, Il Fondo Toscanini all’Archivio di Stato di Milano. Abstract.
  • Stefania Gitto, Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: prime riflessioni emerse dall’attività di ricognizione. Abstract.
  • Rassegna bibliografica, a c. di Chiara Pelliccia e Leonardo Miucci

Abstract


Inizio pagina

Licia Mari

Project Herla. A database for research

The idea of a Gonzaga family document database, with its huge implications for theater history, originated by 1999 with Umberto Artioli and Francesco Bartoli and now has been put in practice with Herla database, inside the Fondazione Mantova Capitale Europea dello Spettacolo. Project Herla — thus called after Harlequin’s mythic Mantuan roots — aims at collecting all documents on the stage events the Gonzagas sponsored at their zenith (1480-1630)—not just theater, but any official and festive occasion involving a stage, machinery, actors, dancers, and musicians. Such diverse events left equally diverse documents (letters, receipts, chronicles, legal acts), now preserved in Mantua and other Italian and European cities. Herla can be accessed at www.capitalespettacolo.it; it consisted of 12,009 forms as of February 2015. This article details its structure and resources for research, which may focus on a single topic or require cross-checking, thus making investigation easier and, at the same time, triggering new ideas and connections.

******

Il progetto Herla. Un database al servizio della ricerca

La concezione di un archivio informatico che contenesse la documentazione gonzaghesca con implicazioni per la storia dello spettacolo nasce nel 1999 da un’idea di Umberto Artioli e di Francesco Bartoli, che si concretizza nella creazione, all’interno della Fondazione Mantova Capitale Europea dello Spettacolo, del database Herla. Il Progetto Herla (il cui nome è stato scelto per il riferimento ai miti d’origine del “mantovano” Arlecchino) si propone di reperire la documentazione sull’attività spettacolare patrocinata dai Gonzaga nell’epoca del loro massimo splendore (1480-1630) e di riunirla in un'unica banca dati tematica informatizzata. Non solo il teatro in senso stretto, ma anche tutte le occasioni ufficiali e festive che prevedevano apparati e allestimenti, con la partecipazione di attori, danzatori e musici. Alla molteplicità dei fenomeni indagati corrisponde una diversificazione delle fonti considerate (corrispondenza, pagamenti, cronache, atti notarili), conservate non solo a Mantova, ma anche negli archivi di città italiane ed europee. L’Archivio informatico Herla è consultabile nel sito www.capitalespettacolo.it; l’aggiornamento di febbraio 2015 presentava 12.009 schede. L’intervento vuole illustrare la struttura e le possibilità di ricerca del database, sia rispetto ad una tematica, sia rispetto alle trame che si aprono dall’intrecciarsi delle diverse fonti, che possono favorire lo studio e far nascere nuovi stimoli e contatti.

 




Inizio pagina

Maria Rosa Moretti

Simone Molinaro and musical life in Genova around 1600

In recent decades, early 17th-century musical life in Genoa and its major composer and chapel master, Simone Molinaro, have been extensively discussed. A summary is provided of the existing contributions issued in books and essays (including some hard-to-find items), as well as of the latest archival discoveries. The most important new info is about two churches, Nostra Signora delle Vigne and San Siro, and their music chapels. Also, the discovery of new documents and compositions, thus expanding Molinaro’s catalog, has been vital to achieve a better insight of the Genoa scene and its musicians’ lives. The inclusion of such pieces in a volume edited by Molinaro (1604) revealed works by three generations of composers: his teacher, Giovanni Battista Dalla Gostena, Molinaro himself, and his pupil, Leonardo Levanto.

******

Simone Molinaro e la vita musicale a Genova tra Cinque e Seicento

La vita musicale genovese di primo Seicento, e con essa la fondamentale figura del compositore e maestro di cappella Simone Molinaro, sono stati oggetto in questi ultimi decenni di continui approfondimenti. Il presente lavoro intende quindi offrire in un unico contributo una sintesi di quanto è stato pubblicato in libri e saggi, talvolta di difficile reperibilità, e di far conoscere i risultati delle più recenti scoperte archivistiche e bibliografiche.

Le maggiori novità riguardano la storia delle cappelle musicali istituite nelle chiese di Nostra Signora delle Vigne e di San Siro, ma al fine di una più esatta conoscenza della realtà cittadina e della vita artistica dei musicisti, è stato determinante il ritrovamento di nuovi documenti e di nuove composizioni musicali che hanno consentito di ampliare il catalogo delle musiche di autore genovese. L’inserimento di queste composizioni in un unico volume curato da Simone Molinaro (1604) ha evidenziato infine la presenza di opere di tre generazioni di compositori: il maestro di Molinaro, Giovanni Battista Dalla Gostena, lo stesso Molinaro e il suo allievo, Leonardo Levanto.

 



Inizio pagina

Chiara Pelliccia

Cardinal Benedetto Pamphilj’s musical libraria. A recovered inventory

An unissued inventory of Cardinal Benedetto Pamphilj’s music collection emerged from the Colonna papers in Subiaco. The Pamphilj collection is known to have merged into the Colonna libraria out of inheritance. Starting from known facts on the libraria and its history, some open issues are examined, as well as the new methodology such finding calls for. The inventory is transcribed and annotated in the Appendix; it mostly lists vocal music, regrouped into four sections by genre, and refers to a part of the collection that has many a match in the management papers. More importantly, this document allows to identify unknown pieces and resolve doubtful attributions; it also throws light on some aspects of music preservation and archiving by 1700. Information and document cross-checking, along with hand comparison, allowed to identify the writer as Nunzio Lulier, the Cardinal’s librarian. The document is dated between March 1730 and August 1731.

******

La libraria musicale del cardinale Benedetto Pamphilj. Un inventario ritrovato

L’articolo presenta un inedito inventario della biblioteca musicale del cardinale Benedetto Pamphilj, ritrovato tra le carte dell’archivio Colonna in Subiaco. La biblioteca del cardinale, è noto, confluì per via ereditaria nella libraria Colonna. Partendo dallo stato delle conoscenze sulla libraria musicale pamphiljana e la sua storia, l’articolo prende in esame le questioni ancora aperte e le nuove prospettive metodologiche che il nuovo ritrovamento richiede. L’inventario, trascritto con annotazioni in appendice, elenca in prevalenza musica vocale, organizzata per generi in 4 sezioni: i contenuti mostrano una parte della collezione musicale di Pamphilj per la quale non mancano riscontri nella contabilità, ma soprattutto l'inventario permette di individuare o attribuire musiche non ancora note o rimaste di dubbia paternità ed evidenzia alcune caratteristiche sulle modalità di archiviazione e conservazione della musica tra la fine del XVII secolo e l’inizio del successivo. Attraverso l’incrocio di notizie e documenti e il confronto delle grafie, la redazione è ricondotta a Nunzio Lulier bibliotecario del cardinale e la datazione tra marzo 1730 e agosto 1731.

 



Inizio pagina

Francesca Menchelli-Buttini

Teatro San Carlo, 1747-1753. Further investigation on its management

Unissued documents are reproduced here, sitting at the district notary archive and the Archivio Storico del Banco, Naples, about the Teatro San Carlo management being granted to a four-person company — Diego Tufarelli, Nicola Tagliavanti, Biagio Soreca, and Vincenzo Martinez, soon replaced by Stefano Buonfiglio — by 1747-53. Some of these very papers are also cited in a manuscript Relazione dell’appalto del Real Teatro di San Carlo, dated 14 September 1756 and now at the Archivio di Stato, Naples. Such document, published by Gian Giacomo Stiffoni, has relevant info on the theater management and its constitution. In particular, Archivio Storico del Banco contracts and registers yielded info about the company members and savings, expense sharing, membership fees, and more. For instance, we learn that Martinez was a gambling levy officer, as well as a representative of several Neapolitan noblemen. Finally, evidence is shown documenting composer Gioacchino Cocchi’s strained relationship with the theater, after the fiasco of Sesostri re d’Egitto, staged by late June 1752, at the beginning of the company’s last season: this allowed Nicola Tagliavanti to detail Cocchi’s sloppy honoring of his commitments.

******

Teatro San Carlo, 1747-1753. Supplemento d’indagine sulla gestione impresariale

L’articolo riproduce alcuni documenti inediti depositati a Napoli presso l’Archivio notarile distrettuale e l’Archivio storico del Banco, in merito al definirsi dei termini della concessione del Teatro San Carlo a una società di quattro componenti, Diego Tufarelli, Nicola Tagliavanti, Biagio Soreca e Vincenzo Martinez, cui presto si sostituì Stefano Buonfiglio, i quali mantennero il contratto per il sessennio 1747-1753. Si tratta in parte degli atti richiamati in una Relazione dell’appalto del Real teatro di San Carlo del 14 settembre 1756, che si conserva manoscritta presso l’Archivio di Stato di Napoli, già edita da Gian Giacomo Stiffoni, contenente notizie di grande interesse sulla gestione economica e su alcuni aspetti statutari del San Carlo nel periodo in parola. In particolare, la consultazione delle polizze e dei giornali copiapolizze presso l’Archivio storico del Banco di Napoli ha permesso di ricavare ulteriori notizie riguardo ai soci, alla formazione della cassa, alla condivisione delle spese, al versamento delle quote e ad altre transazioni di denaro; è così emerso, ad esempio, che Martinez aveva un incarico di funzionario nell’arrendamento dei giochi, oltre a figurare quale agente di alcuni esponenti di nobili famiglie napoletane. Si riportano infine le testimonianze bancarie del difficile rapporto fra l’amministrazione teatro e il compositore Gioacchino Cocchi, a seguito del clamoroso insuccesso che toccò al Sesostri re d’Egitto rappresentato con notevole ritardo nel giugno 1752, in apertura dell’ultima stagione teatrale gestita dalla società: attraverso di esse Nicola Tagliavanti offre una descrizione dettagliata circa la trascuratezza di Cocchi nell’adempiere gli impegni convenuti.

 



Inizio pagina

Mattia Geretto

A new Sonata by Baldassare Galuppi at the Cappella Antoniana Musical Archive, Padua

The discovery is reported of a new Galuppi sonata, from a manuscript found at the Cappella Antoniana Musical Archive, a section of the Biblioteca della Pontificia Basilica di Sant’Antonio, Padua. (This is also a chance to indirectly promote the rich heritage of that archive, yet largely unknown). The Sonata in D, in one movement, was located, along with another Sonata in B flat, in a manuscript from multiple composers, also including such lesser-known figures as Pazzaglia, Albertis, and Episcopi. This seems to be the only source for the Sonata in D, the other one being attested by two more manuscripts. The piece is transcribed in the Appendix.

******

Una nuova sonata di Baldassare Galuppi presso l’Archivio Musicale della Cappella Antoniana di Padova

L’articolo mette in evidenza la scoperta di una nuova Sonata di Baldassare Galuppi contenuta all’interno di un manoscritto appartenente all’Archivio Musicale della Cappella Antoniana, presso la Biblioteca della Pontificia Basilica di Sant’Antonio di Padova. Indirettamente, si intende valorizzare anche il patrimonio ricchissimo di quell’Archivio Musicale, ancora tutto da scoprire nelle sue notevoli risorse. La Sonata in questione è un unico tempo in re maggiore e compare assieme a un’altra Sonata, in si bemolle maggiore, in un manoscritto collettaneo dove figurano anche pezzi di autori meno noti, come Pazzaglia, Albertis ed Episcopi. Il manoscritto padovano risulta essere un testimone unico per la Sonata in re maggiore, mentre la Sonata in si bemolle maggiore compare anche in altri due manoscritti. In appendice viene fornita la trascrizione della Sonata in re maggiore.

 



Inizio pagina

Francesco Cesari

ArtMus – A database of music articles on 19th-century Italian newspapers

The ArtMus database (www.artmus.it) is a new research tool dealing with music in 19th-century Italian newspapers. It was created with state funding for National Scientific Interest Research Projects (PRIN 2009 and 2012) and has so far involved the Venice–Ca' Foscari, Florence, Cagliari and Turin universities. Its more than 26,000 sheets (16,000 when this article was written) are but a starting point for virtually unlimited developments. The ArtMus form is described in detail; its fields and sections aim at framing each item according to multiple perspectives, to make multiple research lines easier. Its four sections let users point to an article as a whole, or events, or objects (single musical works), or names contained in it. All catalogued item images are in .jpg format.

******

ArtMus – Una banca dati degli articoli di argomento musicale pubblicati nei giornali italiani dell’Ottocento

Consultabile all'indirizzo www.artmus.it, la banca dati ArtMus offre un nuovo canale di ricerca per mezzo del quale accedere alle informazioni relative alla musica pubblicate nei quotidiani italiani del secolo XIX. La banca dati si è costituita grazie ai finanziamenti statali previsti per i Progetti di Ricerca di Interesse scientifico Nazionale (PRIN 2009 e 2012) e fino a oggi ha coinvolto i quattro atenei di Venezia Ca' Foscari, Firenze, Cagliari e Torino. Le sue oltre 26.000 schede (16.000 al momento della stesura dell'articolo) segnano l'inizio di un percorso che si offre a sviluppi quasi illimitati. L'articolo illustra in dettaglio la struttura della scheda ArtMus, la cui articolazione in campi e sezioni è volta a inquadrare i singoli articoli secondo prospettive molteplici, tali da assecondare percorsi di ricerca eterogenei. In particolare, la suddivisione in quattro sezioni consente di guardare di volta in volta all'articolo nel suo complesso, oppure agli eventi, agli oggetti (le singole opere musicali) e ai nomi che vi compaiono. Tutte le immagini degli articoli schedati sono pubblicate in formato JPEG.

 



Inizio pagina

Francesca Camata

Operatic stars in legend and in real life. A glance at the early 19th-century star system through the «Gazzetta Privilegiata di Venezia»

Early 19th-century operatic stars are seen here through the chronicles of a few sample years of the «Gazzetta Privilegiata di Venezia» (1816-17, 1830-33, 1847) cataloged in the ArtMus project (see Francesco Cesari’s article, above). Such daily newspaper regularly hosted information on music celebrities, especially prima donnas, with different policies depending on publication years. Chronicles, reports from abroad, and short news yield plenty of anecdotes and gossip on widely acclaimed divas, many of whom were foreigners and/or active outside Italy, e.g. Angelica Catalani, Henriette Sontag, and Jenny Lind. This research sheds light on the way the general press took notice of the star-system phenomenon and gave it further boost.

******

Cantanti-divi tra leggenda e quotidianità. Uno sguardo al fenomeno del divismo nel primo Ottocento attraverso le pagine della «Gazzetta Privilegiata di Venezia»

La comunicazione inquadra il fenomeno del divismo di cui sono protagonisti i cantanti nella prima metà dell’Ottocento attraverso gli articoli di cronaca pubblicati in alcune annate campione della «Gazzetta Privilegiata di Venezia» (1816-17, 1830-33, 1847), che sono state oggetto di schedatura all’interno del progetto ArtMus (qui analizzato nel contributo di Francesco Cesari). Con alcune differenze nei vari periodi presi in esame, i fogli del quotidiano veneziano puntano regolarmente il faro sulle celebrità musicali e in modo particolare sui virtuosi di canto, specialmente se primedonne. Le cronache musicali, le notizie dall’estero e i trafiletti offrono numerosi aneddoti e pettegolezzi su alcune tra le dive più acclamate (spesso straniere e comunque prevalentemente attive in Europa, fra cui: Angelica Catalani, Henriette Sontag e Jenny Lind), facendo luce sulle modalità di ricezione e amplificazione del fenomeno divistico da parte della stampa generalista.

 



Inizio pagina

Patrizia Balestra

New Mascagni manuscript sources: art songs and more

While sojourning in Cerignola, and mostly from spring 1887 to early 1890, Pietro Mascagni wrote many art songs and piano pieces to please his many admirers who attended the soirées at the Circolo Ofanto, a club for noblemen and wealthy landowners. Some of these manuscripts are located in private collections and remained unknown and unissued for Mascagni gave them away either to his patrons or to his favorite pupil, Francesco Pisano. There are ten of them: six art songs, four of which written in Cerignola by 1887-88 and two more in Bellevue by 1912; two sacred songs; and two piano waltzes. Three songs from Cerignola — Sei troppo bella e non ti posso odiare, La verginella è simile alla rosa, and Deh non fuggir sì rapida — were likely written for Venturina Palieri, a regular piano student of Mascagni’s (incidentally, he also used to spend time composing at her instrument). The fourth one, Astro immortal risplende, is dedicated to Giuseppe Cannone, the mayor who hired him as conductor of the Filarmonica Comunale. The two sacred canzoncine to the Virgin were composed by May 1895 for Pisano, then organist at the Capuchins’ Church. The songs, Madrigale and In mare, come from Mascagni’s French period, enlivened by Anna Lolli’s presence. They reflect both the archaic suggestions evoked in Parisina, the opera he was working at, and the feelings and thrills of the two lovers.

******

Nuove fonti manoscritte di Mascagni: romanze e altre pagine musicali

Durante il suo soggiorno a Cerignola, soprattutto tra la primavera del 1887 e i primi mesi del 1890, Mascagni scrisse numerose romanze e brani pianistici per assecondare i suoi numerosi ammiratori nelle serate presso il Circolo Ofanto, un club di aristocratici e ricchi proprietari terrieri. Alcune di queste pagine manoscritte, appartenenti a collezioni private, sono rimaste sconosciute ed inedite perché Mascagni le regalò ai suoi mecenati o al suo allievo preferito, Francesco Pisano.

Sono dieci brani, sei romanze – di cui quattro scritte a Cerignola tra il 1887 e il 1888 e due nel 1912 a Bellevue – due canzoncine sacre e due Valzer per pianoforte. Tre delle romanze scritte a Cerignola, Sei troppo bella e non ti posso odiare, La verginella è simile alla rosa e Deh non fuggir si rapida molto probabilmente furono composte per Venturina Palieri, una delle sue più assidue allieve di pianoforte, sul cui strumento Mascagni si intratteneva spesso per comporre. L'altra lirica, Astro immortal risplende, è invece espressamente dedicata a Giuseppe Cannone, il sindaco che lo assunse come direttore della Filarmonica comunale. Le due canzoncine sacre dedicate alla Madonna furono invece composte nel mese di maggio del 1895 per il suo allievo Pisano, in quel periodo organista della Chiesa dei Cappuccini. Infine, le due romanze, Madrigale e In mare, appartengono al periodo francese di Mascagni, soggiorno allietato dalla presenza di Anna Lolli. Le liriche riflettono sia le suggestioni della forma arcaica su cui è incentrata Parisina, l'opera che stava componendo in quel periodo, sia le emozioni e le trepidazioni di due amanti che si abbandonano al sentimento amoroso.

 



Inizio pagina

Francesco Bissoli

Young Franco Alfano in Northern Europe

Ten autograph letters, now at the Istituto Suor Orsola Benincasa, Naples, shed light on Franco Alfano’s burgeoning career. He left Naples by 1895 and settled in Leipzig, Germany, to expand his creative and cultural horizons. Here, besides continuing his music studies, Alfano started an international career as a concert pianist, conductor and composer, penning several piano pieces and also his first theatrical essays (Miranda, La fonte di Enscir). This intensely creative period tempered his personality in view of a much wider leap—composing the opera, Risurrezione.

******

Il giovane Alfano nel Nord-Europa

Una decina di lettere autografe, custodite presso l’Istituto Suor Orsola Benincasa di Napoli, consentono di far luce sulle fasi iniziali della vicenda artistica di Franco Alfano. Per allargare i suoi orizzonti artistici e culturali, nel 1895 il giovane maestro italiano decise di lasciare Napoli e si stabilì a Lipsia. Una volta che si trovò in terra germanica, oltre a proseguire gli studi, diede inizio alla sua carriera internazionale, muovendosi su più fronti: l’attività concertistica, la direzione d’orchestra e la composizione, con vari lavori per pianoforte e i primi tentativi in campo teatrale (Miranda e La fonte di Enscir). In tale fervore di iniziative ebbe modo di temprare la propria personalità artistica, in vista della tappa decisiva di Risurrezione.

 



Inizio pagina

Mariagrazia Carlone

The Fondo Toscanini at the State Archive, Milan

A huge amount of Arturo Toscanini’s documents was recently (2012) acquired by the State and entrusted to the Milan State Archive (ASMi). It consists of three series—Music, Correspondence, and Photos; the first one, amounting to 172 pieces; it is inventoried and can be freely consulted. A concise description is offered here; readers are referred to the analytical inventory on the ASMi site for details. Although it only makes a small part of the material Toscanini put together over his long career, it provides a meaningful insight into his work and personality, by making available his compositions, some of his valuable orchestrations, and a relevant part of the music he conducted, collected, or was the dedicatee of.

******

Il Fondo Toscanini all’Archivio di Stato di Milano

L’articolo dà informazioni sulla consistente mole documentaria relativa ad Arturo Toscanini, recentemente (2012) acquisita dallo Stato Italiano e affidata all'Archivio di Stato di Milano (ASMi). Delle tre serie documentarie (Musica, Carteggio, Fotografie) la prima (formata complessivamente da 172 pezzi) è stata inventariata dall'autrice ed è liberamente consultabile presso l'Archivio. Nell’articolo se ne dà una sommaria descrizione, rimandando all’inventario analitico (anche disponibile online sul sito dell’ASMi) per maggiori dettagli. Pur essendo una piccola parte di ciò che Arturo Toscanini accumulò nel corso della sua lunga carriera, questo materiale offre uno spaccato eloquente della sua attività e personalità, mettendo a disposizione degli studiosi le sue composizioni, alcune sue importanti orchestrazioni ed una parte significativa delle musiche da lui dirette, raccolte o che gli furono dedicate.

 



Inizio pagina

Stefania Gitto

The Centro di Documentazione Musicale della Toscana: first thoughts on the exploration stage

By late 2013, the Tuscany Region endorsed an agreement with the Scuola di Musica di Fiesole Foundation library, to create the Centro di Documentazione Musicale della Toscana, as a tool to manage, catalog, and enhance all manuscript and printed music from all eras and traditions, found on the Tuscan territory. Reasons are explained that led to the birth of CeDoMus, as well as the scope of this structure devoted to notated musical heritage, and its current activities, especially the census data collected in a few provinces. Research methods are described and the first results are analyzed.

******

Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: prime riflessioni emerse dall’attività di ricognizione

Alla fine del 2013 la Regione Toscana ha stipulato una convenzione con la biblioteca della Scuola di Musica di Fiesole Fondazione Onlus per la creazione del Centro di Documentazione Musicale della Toscana, con l'intento di offrire un supporto alle attività di gestione, catalogazione e valorizzazione della musica notata manoscritta e a stampa, di ogni epoca e tradizione, conservata sul territorio regionale. Vengono qui presentate le motivazioni che hanno portato alla nascita del CeDoMus, le finalità di un centro di documentazione dedicato al patrimonio bibliografico musicale e le diverse attività in corso di svolgimento, con particolare attenzione al lavoro di censimento svolto su alcune province toscane, del quale si descrivono sia le metodologie messe in campo per l'attività di ricognizione che l'analisi dei primi risultati.

 

Società Italiana di Musicologia

Sede legale: c/o Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Largo Luciano Berio 3 - 00196 Roma
codice fiscale: 80098490370

Recapito postale: Casella Postale 318 Ag. Roma Acilia via Saponara 00125 Roma
cell.: 338 1957796
e-mail: segreteria@sidm.it
posta certificata: sidm@pec.it

altri contatti / mappa del sito / cookie policy